Mary J. Blige esplose per aver venduto pollo nell’annuncio di Burger King

Aggiornato alle 9:20 ET: Mary J. Blige ha poi commentato la polemica commerciale, dicendo a TMZ: “Ho accettato di far parte di una campagna divertente e creativa che doveva contenere una sequenza da sogno. Sfortunatamente, non è quello che stava succedendo in quella clip “. Ha aggiunto,” Capisco che i miei fan siano sconvolti da ciò che hanno visto. Ma se sei un fan di Mary, devi sapere che non permetterò mai un posto incompiuto come quello che hai visto uscire “.

Burger King si è scusato con Blige e i suoi fan per aver rilasciato il primo taglio.

Storia originale:

Uno spot di Burger King con Mary J. Blige che canta di pollo è stato estratto dal canale YouTube della società martedì, anche se la società ha negato che l’azione fosse dovuta a pesanti critiche.

La società ha dichiarato che l’annuncio è stato ritirato a causa di “problemi di licenza”, ma non ha specificato quali fossero questi problemi. La società ha detto che sperava di avere presto le pubblicità Blige, ma non avrebbe detto se sarebbero state modificate, ha riferito l’Associated Press.

Le caratteristiche commerciali Blige in piedi su un tavolo alla catena di fast food, microfono in mano, cantando sulla pellicola di pollo croccante del franchising. (Al momento della stampa, puoi ancora guardare l’annuncio su Gawker.)

David Beckham, Jay Leno, Salma Hayek e altri appaiono anche nelle nuove pubblicità di Burger King che vendono quello che la compagnia definisce un menu più salutare. L’annuncio di Blige è stato criticato per aver invocato lo stereotipo che coinvolge gli afro-americani e il pollo, così come il fatto che l’ode al pollo di Blige è cantata sulla melodia della sua canzone “Do not Mind”, che potrebbe effettivamente essere la causa della “licenza” problemi “menzionati dalla compagnia.

“Hai ancora molto di più da dare al gioco di arti e intrattenimento che non c’era motivo per te di piegarti agli stereotipi”, ha scritto Renay Alize a Blige in un post su Madame Noire. “E so cosa stai pensando, tutti in tutto il mondo amano il pollo. È vero, la maggior parte della gente si abbandona al pollame; ma come una donna di colore, cantare con passione per il pollo non è la mossa! “

Rich Juzwiak di Gawker ha scritto che il mocking dell’annuncio era “l’avvicinamento ai livelli dei meme”, ma ha sottolineato che l’attrice Octavia Spencer non è stata criticata per aver rapsodato di cucinare il pollo nel film di successo “The Help”. Juzwiak ha anche scritto, “se il problema è con Blige che si sta esaurendo, beh, sta succedendo da anni”, sottolineando che il cantante ha venduto fragranze sul canale ping di QVC in passato.

Il consulente di marketing Steve Stoute, che ha lavorato a stretto contatto con Blige, ha scritto su Twitter: “Il problema è che la pubblicità di burger king è che queste agenzie visitano la cultura e poi fanno un lavoro così inautentico che è imbarazzante”.

Ma alcuni trovano il merito nella controversia.

“Il posto di Burger King – blasfemo come molti pensavano – ha fatto qualcosa che le sue recenti mosse di carriera non sono state in grado di fare: hanno fatto parlare di nuovo di Mary J. Blige”, ha scritto il giornalista Adam Graham nel Detroit News. “E se i fan discutono che lei è al di sopra di fare pubblicità di fast food, forse porta ad un rinnovato apprezzamento dei suoi talenti e di ciò che dovrebbe rappresentare, che alla fine non è poi così male.”

I rappresentanti di Blige devono ancora commentare la questione.

Pensi che l’annuncio sia stata una cattiva idea? Vota nel nostro sondaggio e dicci su Facebook.

 Contenuto relativo:

  • Ryan Gosling salva la vita dello scrittore
  • Arrivano i figli: i bambini dei Beatles possono formare una band
  • Il creatore di “Grey’s Anatomy” adotta il secondo figlio