I bambini salgono la diapositiva: i seguaci della regola contro i genitori “lasciali scalare”

Sei mai stato in un parco giochi dove un ragazzino si lascia scappare lo scivolo? O forse lo era il tuo ragazzo?

Piuttosto che salire i gradini, sedersi sul loro fondo e guardare in avanti mentre scivolano verso il basso in modo ordinato, non possono resistere alla tentazione di correre su per la diapositiva.

Sembra che ci siano due campi di genitori che assistono a questi giocosi atti di ribellione: i seguaci della regola contro il set “lasciali salire”.

Spesso, è il conflitto tra questi genitori – e non le azioni dei bambini – che ha bisogno di essere risolto.

Jennifer Lizza, una mamma del New Jersey di due bambini di età compresa tra 6 e 9 anni, crede fermamente nel permettere ai bambini di giocare liberamente e usare la loro immaginazione. “Salire su una diapositiva non mi disturba affatto finché non c’è una fila di bambini che aspettano di scivolare giù per la diapositiva. I bambini dovrebbero essere incoraggiati a giocare senza dover seguire tutte le frecce in una direzione “, dice, aggiungendo che la scuola dei suoi figli non ha nemmeno uno scivolo perché è considerata” troppo pericolosa “. Abbiamo dovuto lottare per le altalene. “

Lizza, fondatrice del blog Outsmarted Mommy, ha sentito le mamme criticare un’altra mamma – che non conoscevano – per aver permesso al bambino di salire su una diapositiva.

“Quando ho detto che non mi dava fastidio, mi guardavano come se fossi pazzo. Una delle mamme si è sentita come se questa mamma stesse lasciando correre il bambino “e i bambini hanno bisogno di regole.” Ho semplicemente risposto che i bambini hanno bisogno di far uscire energia e giocare. “

“I ragazzini stanno testando i limiti personali perché il loro corpo continua a cambiare e una volta che riescono a capire il loro limite, restano dentro di esso, salendo una diapositiva per sperimentare”, dice l’esperta di genitori Heather Shumaker.Kavita Varma-White

Una autodidatta seguace della regola, Marie Stark di Bellevue, Washington, afferma di aver ottenuto il titolo di “mamma cattiva” nel cortile della scuola elementare. “Non mi importava se la madre di Junior era lì, se un bambino stava salendo la diapositiva e c’erano bambini che aspettavano in cima, direi qualcosa”.

Anche se ora le sue figlie sono al liceo, Stark dice che le importava perché altri, di solito più piccoli, erano coinvolti. “Non mi piacevano quelli che sembravano i bambini più grandi, che dovrebbero sapere meglio, spingersi intorno ai più piccoli.” (Stark riconosce che la sua preoccupazione per i più piccoli potrebbe avere a che fare con il fatto che è cresciuta come la più giovane di 12 fratelli.)

Non perdere mai una storia genitoriale con la newsletter di Parenting di oggi! Iscriviti qui.

I miei due bambini erano sempre i più timidi nel parco giochi – mio figlio non scivolerebbe giù se ci fosse un bambino da nessuna parte vicino al fondo, il che è ironico dato che alla fine ha imparato a non aver paura di scivolare nelle basi del baseball. Sono sempre stato grato per quella “cattiva mamma” che avrebbe chiamato altri bambini per andare in quella che pensavo fosse la “via sbagliata” per la diapositiva.

Ma, davvero, c’è un modo corretto di scivolare?

Alcune scuole elementari hanno regole di gioco che rafforzano la metodologia “scala la scala per prima, scivola giù per il secondo”. In effetti, alla scuola elementare Quail Run di San Ramon, in California, le regole per lo scorrimento sono piuttosto specifiche. Essi affermano:

“Gli studenti possono solo scendere le diapositive seduti sul loro fondo e rivolte in avanti. [Gli studenti] non possono salire le diapositive né arrampicarsi sulla parte superiore del tubo che copre una delle diapositive e possono usare le diapositive una alla volta. “

Presso la scuola elementare Mount Erie di Anacortes, nello stato di Washington, le regole del gioco per le diapositive specificano anche che è vietato “fermarsi” mentre si è sulla slitta.

Ovviamente le regole del parco giochi scolastico riguardano la sicurezza di base. Come ha spiegato l’insegnante di terza elementare, Lisa Mawer, “Dobbiamo tenerli al sicuro – abbiamo visto come si scontrano o scivolano di lato. Le aspettative dei parchi giochi derivano dai potenziali pericoli che gli insegnanti vedono “.

L’esperta dei genitori Heather Shumaker in realtà ha scritto un libro su questo argomento, intitolato “Va bene per UP the Slide: regole rinnegate per allevare bambini fiduciosi e creativi”. Dice che i bambini sono in grado di seguire regole diverse in posti diversi. Quindi, possono seguire una serie di regole a scuola ma giocare diversamente altrove. Tuttavia, Shumaker pensa che molte scuole debbano “ripensare le loro linee guida per il gioco. Alcune scuole hanno una regola che non puoi correre nel parco giochi. Se non puoi correre, che senso ha avere il tempo di giocare? “

In definitiva, le diapositive non vengono fornite con le istruzioni, dice. “Qualsiasi ragazzino in tutto il mondo – quando tocca a se stesso, andrà su e giù per una diapositiva.”

Shumaker offre numerosi vantaggi alla presentazione di diapositive, tra cui lo sviluppo di grandi capacità motorie, la verifica della loro forza, equilibrio e consapevolezza spaziale, nonché consapevolezza e considerazione sociale. “Per molti bambini, andare su una diapositiva è una sfida e un rischio: il mio corpo può farlo? I ragazzini stanno testando i limiti personali perché il loro corpo continua a cambiare. Una volta che riescono a capire il loro limite, rimangono dentro. Scalare una scivolata è un modo di sperimentare. “

Inoltre, quando i bambini possono interagire liberamente con l’attrezzatura da gioco, spesso sviluppano giochi creativi e fantasiosi. “Se sorge un conflitto – per esempio, un altro bambino vuole scivolare verso il basso – è una grande opportunità per i bambini di praticare la risoluzione dei problemi”, dice Shumaker.

Sherri Skalko Hood, una mamma di Chicago per una figlia di 6 anni, concorda sul fatto che ogni viaggio in un parco giochi è “un’altra possibilità per i bambini di creare i propri mondi dove essi fare le regole “dice Hood:” Scusa, ho poca simpatia per l’unico ragazzino su cinque che suona su di esso che vuole scivolare verso il basso – a meno che non sia un bambino o un bambino più piccolo. Quindi fai strada e riprendi. “

Invece di regole per le attrezzature del parco giochi, Hood crede che “dovrebbe essere una regola di decenza, rispetto ed equità comuni. Se tutti gli altri bambini sulla diapositiva stanno scivolando in una direzione, e il tuo bambino arriva e sta rovesciando la macchina da pesca … poi no, non stiamo salendo la diapositiva. Sono un grande fan di lasciare che i bambini capiscano e li istruisca in questo modo rispetto a limitarli “.

Per quanto riguarda l’angoscia degli adulti nel parco giochi, Shumaker dice che proviene dal preoccuparsi di come il gioco di un bambino possa ferire un altro bambino. “Da adulti, vogliamo intervenire e prevenire un conflitto prima che accada. Quando in realtà, un piccolo conflitto come questo è un ottimo modo per i bambini di interagire e diventare consapevoli degli altri. Se il modo in cui un bambino gioca su una diapositiva non fa male alle persone o alle proprietà, va bene. “

Se sei il genitore il cui figlio si sta arrampicando e noti che altri genitori sono a disagio, non fa male a riconoscere le loro preoccupazioni. Shumaker suggerisce parole come “Va bene con me se salgono la diapositiva” o “Sembra che stiano bene”.

“Le parole calmanti potrebbero togliere il loro giudizio”, dice.