Il legame madre-bambino richiede un pedaggio stressante quando il bambino ha l’ADHD

Fin dal secondo giorno suo figlio è andato all’asilo, Penny Williams si è preoccupato per lui. Quello è il giorno in cui Williams, un agente immobiliare di Asheville, N.C., ha ricevuto la sua prima chiamata dall’insegnante di suo figlio. Luke non era pronto per la scuola, l’insegnante ha detto a Williams. Non poteva stare fermo e non voleva partecipare. L’insinuazione, disse Williams, era che lei aveva fallito come genitore.

Luca, ora 8, in seguito sarebbe stato diagnosticato un disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), un disturbo neurologico caratterizzato da distrazione, disorganizzazione, impulsività e, come suggerisce il nome, iperattività. Circa il 3% -5% dei bambini in età scolare negli Stati Uniti ha l’ADHD.

Sin dalla diagnosi, Williams si è immersa nei mondi di quei bambini. Lei modifica un blog di gruppo di genitori con bambini con ADHD e divora libri sull’ADHD, provando a farlo .

“Ha un QI molto alto ed è davvero dotato, e torna a casa da scuola e dice che è stupido”, ha detto Williams a LiveScience, riferendosi a Luke. “È difficile guardare il tuo bambino lottare … aggiunge stress e ansia”.

Un nuovo studio rivela che Williams è tutt’altro che sola nella sua sensibilità agli stati d’animo e alle esigenze di suo figlio. I genitori di bambini con ADHD sono più in sintonia con loro rispetto ai genitori con bambini neurotipici, secondo una ricerca pubblicata nel giugno Journal of Family Psychology. Gli stati d’animo di tutti i genitori riflettono e fluiscono in base a come si comportano i loro figli, ha detto la ricercatrice Candice Odgers, psicologa dell’Università della California, Irvine. Ma il legame tra l’umore di una madre e il comportamento di suo figlio è più forte quando il bambino ha l’ADHD.

Il problema è che quegli alti e bassi hanno un effetto sui genitori.

OGGI Mamme: come fanno le mamme a tenere sotto controllo le proprie emozioni?

“Se pensi a come è genitore un bambino con ADHD, richiede una sorta di vigilanza costante, un alto livello di energia”, ha dichiarato Oders a LiveScience. “Questo è importante, perché sappiamo che lo stress e il peso dell’assistenza in generale sono associati a tutta una serie di problemi, problemi di salute mentale e fisici”. Lo stress sulle montagne russe
Il costo emotivo della genitorialità di un bambino affetto da ADHD potrebbe essere più accentuato grazie a ciò che limita le risorse scolastiche in diversi stati. Non ci sono ancora studi sull’effetto dei tagli del bilancio statale sui bambini con bisogni speciali, ma la psicologa californiana Lara Honos-Webb, autrice di “Il dono di ADHD: come trasformare i problemi del bambino nella forza” (New Harbinger Publications, 2005) , hanno detto che le famiglie sentono il colpo.

“A causa di tagli nelle scuole, i genitori stanno disperatamente cercando di ottenere risorse che non ci sono”, ha detto Honos-Webb a LiveScience.

Questi tipi di barriere si aggiungono alle sfide che l’ADHD porta già ai genitori: un rischio di divorzio superiore al normale, livelli di stress aumentati e un senso inferiore della propria competenza.

Per sviluppare un migliore supporto per questi genitori, Odgers e i suoi colleghi volevano capire come lo stress genitoriale aumenta e diminuisce in tempo reale. Guidati dalla psicologa Irvine Carol Whalen, i ricercatori hanno chiesto a 51 mamme di bambini con ADHD e un gruppo di controllo di mamme con bambini senza particolari esigenze di rispondere a sondaggi sui comportamenti dei loro figli e sui loro stati d’animo ogni 30 minuti mentre i loro figli erano a casa per un settimana. Utilizzando PDA con allarmi promemoria incorporati, i bambini hanno anche compilato sondaggi sui loro stati d’animo e comportamenti.

Lo stress genitoriale ha effettivamente fluttuato con il cattivo comportamento auto-segnalato del bambino, hanno scoperto i ricercatori. Ciò era particolarmente vero quando i genitori di bambini con ADHD avevano problemi di salute mentale propri o più gravosi in generale.

Le valutazioni della madre sui comportamenti dei loro figli coincidevano con le valutazioni del bambino, così quando una mamma riferiva che suo figlio era arrabbiato o irrequieto, disobbediente (“argomentava mio figlio”) o iperattivo (“mia figlia parlava troppo”), il diario del bambino di solito concordato. I comportamenti infantili che molto probabilmente causerebbero disagio nella mamma erano iperattività, mancanza di concentrazione, rabbia e disobbedienza.

ADHD ottimista
I risultati sottolineano la necessità di considerare l’intera famiglia dinamica quando si tratta di un bambino ADHD, ha detto Odgers. Fare ciò è necessario sia per il bene del bambino che per i genitori, poiché i genitori stressati non sono di supporto ai loro figli.

“Ci sono questi legami davvero importanti tra il comportamento dei bambini e l’umore della mamma e i livelli di stress”, ha detto Odgers. “Sappiamo da molte altre ricerche che la salute mentale della mamma è un predittore molto, molto forte di lei.”

Honos-Webb raccomanda che le famiglie con bambini con ADHD lavorino duro per vedere i progressi positivi che i loro figli stanno facendo. Ciò implica concentrarsi su ciò che può essere fatto per aiutare piuttosto che ciò che un bambino sta facendo male. È anche importante incoraggiare gli hobby e le forze del bambino, ha detto Honos-Webb. Raccomanda anche “tempi di connessione ad alto numero di ottano” tra genitori e figli per interrompere i cicli di frustrazione e punizione.

Per Williams, trovare i punti di forza di Luke non è affatto un problema. È un bambino intelligente, curioso e dal cuore aperto, disse. Se vede un altro bambino piangere nel parco giochi, spesso andrà a confortarli, ha detto: “Ha davvero questo bisogno di sistemare le cose e renderlo migliore”.

Ma lo stress è ancora lì mentre guarda suo figlio lottare accademicamente. Proverà una nuova scuola il prossimo anno, trasferendosi da una scuola pubblica che Williams ha detto che non stava lavorando a uno privato che è meglio focalizzato sulle esigenze dei bambini con bisogni speciali. La decisione le ha causato molta ansia. Si trova anche di fronte quando Luke ha i brividi di rabbia nei luoghi pubblici.

Per lei, il miglior meccanismo di risposta è stato trovare supporto tra altri genitori che capiscono le sfide di un bambino con ADHD. Ma ha anche scoperto che genitorialità Luke ha spostato qualcosa in lei.

“Quando vedevo un bambino recitare in un ristorante, pensavo la stessa cosa che la maggior parte della gente pensa, ‘Perché i genitori non possono controllarli?'”, Ha detto Williams. “E poi ho avuto un bambino che l’ha fatto e ho capito che c’è una ragione … Ti rende una persona molto più comprensiva.”