Quando le ragazze carine diventano adolescenti arrabbiati

La maggior parte delle ragazze adolescenti subiscono pressioni incredibili su base giornaliera. Katie, una quattordicenne che mi vedeva per la depressione, raccontava come sarebbe andata a scuola ogni mattina a scuola vestito con un vestito approvato dalla mamma, ma si sarebbe trasformato in un top succinto e in pantaloncini di jeans stretti non appena sarebbe andata a scuola. Si sentiva colpevole di andare contro gli standard di sua madre, ma non riusciva ad affrontare il ridicolo che credeva sarebbe successo se il suo vestito non si adattasse al codice della moda femminile. Era davvero arrabbiata per doverlo fare, ma invece di trasformare la rabbia verso l’esterno, si diffuse all’interno, portando ai sintomi depressivi della soppressione dell’appetito e dell’insonnia.

Elizabeth ha affrontato la pressione dei compagni in modo diverso. Sedici e convinta che qualunque cosa avesse da dire sarebbe stata derisa o ignorata, aveva trascorso il primo anno al liceo a pranzo in biblioteca, tutti i giorni. Essendo incline a negare, Elizabeth si sarebbe illusa di pensarlo lei era quello che respingeva gli altri bambini e che portare a termine i compiti a scuola era più importante che spettegolare o flirtare nella caffetteria.

La tredicenne Marcella, dopo essere stata scaricata dal suo fidanzato di tre mesi, ha letteralmente preso le cose nelle sue mani quando ha sentito che non poteva più tollerare la solitudine e l’umiliazione – ha iniziato a tagliarsi le cosce e lo stomaco, dove lei si sentiva al sicuro dagli occhi curiosi dei suoi genitori. Marcella ha spiegato, così come molti altri tagliatori, che “Almeno sento qualcosa … non fa davvero male … almeno posso sentirmi di nuovo.”

Katie, Elizabeth e Marcella sono ragazze adolescenti abbastanza tipiche. Certamente non tutte le ragazze cambiano i vestiti solo per adattarsi, o hanno paura di mangiare in sala da pranzo per paura di essere respinti o usano l’auto-abuso per combattere la depressione o per ottenere il controllo delle sue emozioni, ma molti lo fanno. Troppi. Il bambino di nove o dieci anni che avrebbe “raccontato” a degli amici crudeli a quattordici anni potrebbe pensare che nessuno ascolterà, così lo gestisce da solo. I più fortunati possono ricordare e contare su solidi consigli dei loro genitori o avere un astuto amico o insegnante che interviene. Ma molte ragazze adolescenti non sentono di avere risorse a cui rivolgersi, anche se i loro genitori sono disposti a essere coinvolti e, se data la possibilità, potrebbero essere molto utili. È come se la ragazzina fiduciosa si fosse trasformata in una giovane donna che non era sicura di se stessa o delle intenzioni o delle motivazioni dei suoi genitori.

Dal 1977 ho visto i bambini e le loro famiglie quasi esclusivamente nel mio studio privato. Molto è cambiato nel corso degli anni: molti bambini sembrano essere più lunatici, sassionati e più irrispettosi rispetto agli ultimi vent’anni. E, questi comportamenti e atteggiamenti si sono generalizzati agli adulti diversi da mamma e papà. Le scuole affrontano quotidianamente problemi, che vanno dalla non partecipazione all’agire, fino alla vera e propria disobbedienza e violenza.

Il Dr. William Pollack nelle sue opere, “Real Boys” e “Real Boys Voices” ritrae in modo eloquente il modo in cui i giovani giocosi ed espressivi evolvono nel mostrare il “Codice ragazzo” in fasi di sviluppo sempre precedenti – un aspetto duro, quasi insensibile modellato dal trattenendo i sentimenti. Lasciarlo fuori con un buon pianto non è accettabile, e Pollack e altri ipotizzano che questo è il motivo per cui così tanti maschi si ammalano, sono infelici o addirittura violenti mentre maturano. I ragazzi, sembra, imparano a essere inespressivi e a reagire male a situazioni frustranti e dolorose finché non riescono più a frenare le emozioni, e poi soffiano – sia fisicamente che emotivamente.

Sebbene le ragazze adolescenti non si comportino in modo violento con la frequenza dei ragazzi, mostrano una propria marca di comportamenti e crisi di identità, specialmente quando viaggiano dal preteen fino agli anni dell’adolescenza. Se tollerate, permesse o incoraggiate a emulare, le ragazze in età prescolare piangono molto più frequentemente di quanto facciano i ragazzi. Nella scuola elementare piagnucolano, si lamentano e piangono (di nuovo) di più, e dalla scuola media e superiore girano intorno ai ragazzi in termini di pianto (ancora una volta), diffondendo voci ed esprimendo quasi ogni pensiero che attraversa le loro menti. In breve, le ragazze imparano a mostrare e mostrare e condividere le loro frustrazioni. Nel processo, però, molti genitori sono tenuti in ostaggio dai loro capricci, malumori e capricci adolescenziali.

Nel 1994, “Reviving Ophelia: Saving the Selves of Adolescent Girls” di Mary Pipher ha colpito le tribune e anche i nostri cuori. Maria ci ha costretti a guardare come e perché le nostre figlie adolescenti erano così infelici e insoddisfatte. Si concentrò sullo stato della famiglia, sulla pressione dei compagni, sulla mancanza di valori e si chiese cosa fosse successo alle ragazze dai tempi della sua crescita a Lincoln, nel Nebraska. Dopo essersi avvicinata a “Reviving Ophelia”, arrivò una primogenita diciassettenne, Sara Shandler con il suo libro “Ophelia Speaks”, che offriva le voci delle ragazze adolescenti e le loro risposte alle preoccupazioni del Dr. Pipher – sia contraddittorie che Accordo con. E così inizia il dibattito, e continuerà, ma una cosa è certa: essere una ragazza adolescente è difficile nella cultura di oggi, troppo spesso descritta come una cultura di crudeltà nelle aule e nelle aule in cui la nostra adolescenza le ragazze trascorrono gran parte della loro vita.

Le ragazze adolescenti popolano un buon 70 percento della mia pratica. Normalmente questi bambini entrano in counseling con un’attitudine meno che eccitata, temendo che la terapia si traduca in qualche forma di punizione, o almeno – saranno fraintesi. Solo un altro adulto prende il punto di vista dei genitori. Alcuni, tuttavia, specialmente quelli arrabbiati, sono contenti di avere il forum per scaricare le loro lamentele – non possono aspettare di scaricare i loro sentimenti di frustrazione e rabbia, quanto ingiusta è la mamma o il papà, o quanto sia difficile renderla socialmente scuola. Queste ragazze hanno pochi problemi a comunicare – anzi, a volte è davvero difficile per me ottenere una parola in modo discontinuo.

Poi ci sono le ragazze depresse. Sono giunto alla conclusione che, insieme alla sensibilità, all’introspezione e allo squisito radar tra pari che le ragazze adolescenti sono così brave, arrivano gli aspetti negativi di eccessiva reazione, eccessiva sensibilità e estremo autoassorbimento. Quest’ultimo prende la forma di credere che quasi tutto ciò che dicono o fanno fuori casa (che è un posto sicuro, di solito – mamma e papà devono tenerli a prescindere da come si comportano) è soggetto a diventare il centro dell’attenzione per chiunque o tutti. A scuola una brutta giornata di capelli può essere disastrosa – come se gli altri bambini se ne accorgessero. Cerco di convincere le mie ragazze adolescenti che gli altri sono coinvolti in così tanto autoassorbimento e insicurezza che non lo fanno sempre avere il tempo di pensare a nessuno tranne a se stessi. Di solito è come parlare a un muro, però, quindi questa tattica è spesso meno di successo in termini di insegnare alle ragazze adolescenti ad essere meno sensibili riguardo qualunque cosa.

Questa ipersensibilità mette a rischio le adolescenti a causa di molti problemi: credendo che tutto ciò che dicono sarà preso in giro, quello che sembra il meno diverso sarà l’argomento della mensa per almeno alcuni giorni, o che sembra troppo stupido o troppo intelligente li distingue dagli altri. Quindi, cercano la conformità. Ogni ragazza ha la sua tattica, ma la lista delle tecniche di conformità include: nascondere l’intelletto e l’ambizione, rinunciare a un’abilità o un dono, accontentarsi di una folla di bambini che credono o si comportano contro i loro valori di base, l’inclusione in un gruppo anche se è scomodo o non sicuro, o ritirarsi quasi completamente dall’intera scena sociale.

Eppure alcune ragazze attraversano l’adolescenza in un unico pezzo, apparentemente incolume. Quali sono queste ragazze resistenti, quasi invulnerabili o che i loro genitori fanno che permette o incoraggia questo successo? Secondo Judith Rich Harris, autrice di “The Nature Assumption: Why Children Turn Out Way They Do”, è per lo più genetica, un pizzico di fortuna e un cucchiaio di genitori coinvolti e perspicaci. Sebbene io sia d’accordo con lo sforzo del Dr. Harris sulla genetica come un aspetto importante nel modo in cui i nostri figli si rivelano, ho visto che genitorialità intelligente e grintosa va molto lontano in termini di mantenere le nostre ragazze in pista.

Ho scoperto che ci sono molte cose che i genitori possono fare non solo per aiutare le loro ragazze a sopravvivere meglio all’adolescenza, ma anche per aiutare i genitori a venire attraverso questo periodo sano di mente e in un pezzo solo. Nei nostri sforzi per aiutare le nostre ragazze adolescenti possiamo provare a metterle sul corso per sviluppare un buon concetto di sé oltre a fornire disciplina in modo che il loro comportamento rimanga entro limiti ragionevoli. Nel preparare il terreno per una buona autostima e comportamento da teenager, ho scoperto che oltre a incrociare le dita e sperare per il meglio, i genitori dovrebbero:

  • Scegli le loro battaglie con saggezza, lasciando che le piccole cose vadano mentre ti afferri le questioni più importanti.
  • Cerca di capire come la ragazza sente, percepisce e definisce il suo mondo.
  • Sforzati di ricordare quanto fosse 13 per te (fortunatamente ho tenuto un vecchio diario e conferma molti dei miei ricordi non così cari – soprattutto di solitudine o sentimenti di rifiuto).
  • Diventa informato sulla cultura e le problematiche della ragazza adolescente di oggi – paura dell’AIDS, pressione verso l’attività sessuale (orale o altro).
  • Comprendi la ricerca di tua figlia di essere la tua persona, entro i limiti di una tremenda pressione tra pari per conformarsi a regole e regolamenti spesso arbitrari.
  • Conoscere e cercare di capire le dinamiche della politica di sala da pranzo che potrebbe essere addirittura crudele.
  • Renditi conto che è sottile, se è salutare o no, anche se non sei d’accordo.
  • Trova e mantieni saggiamente il coraggio del genitore, anche se la tua ragazza adolescente potrebbe professarti di odiarti al momento.
  • Comprendi l’esca dell’uso di sostanze e degli abusi e scopri cosa puoi fare per migliorare tua figlia a prova di droga.
  • Impara ad ascoltare efficacemente anche se il bambino è irragionevole, testa di toro o semplicemente egoista.
  • Stabilisci regole corrette, chiare e in grado di essere seguite in modo coerente.
  • Scopri come salvare tua figlia dagli artigli dell’avvoltoio e della cultura di MTV.
  • Promuovere un senso di spiritualità (non necessariamente religioso, ma di natura morale) che le assicurerà una vita di direzione anche se ci saranno molte curve nella strada.
  • Implementa un codice famigliare di valori che richiede di dare agli altri, non solo prendere.
  • Instillare un desiderio di coinvolgimento – che si tratti di sport, hobby, accademici o volontariato – qualsiasi cosa che le strappi dal divano e nella mente e nel cuore degli altri.

E, soprattutto, ricorda che è davvero necessario un villaggio per crescere un bambino. Conosci gli amici di tua figlia e i loro genitori e impegnarsi in attività insieme. Migliore è la comunicazione tra le famiglie, minori sono le possibilità che i bambini si smarrano e che vengano coinvolti in comportamenti rischiosi o inappropriati. Insistere sulla comunicazione con la scuola e le sue insegnanti e aiutarla a rimanere in cima al suo lavoro scolastico. Come una famiglia continua il tuo coinvolgimento in attività di volontariato e gruppi religiosi. Incoraggiare una varietà di interessi (sport, musica, allenarsi in palestra). E, se la famiglia estesa è disponibile, mantenere legami stretti in modo che abbia diversi adulti da consultare o cugini a cui rivolgersi se il gioco si fa duro. È particolarmente importante per le adolescenti capire che anche se i loro pari sembrano voltare le spalle, i membri della famiglia saranno sempre lì per loro.

Dr. Peters è uno psicologo clinico e collaboratore regolare di “Oggi”. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il suo sito Web all’indirizzo www.ruthpeters.com. Diritto d’autore ©2006 di Ruth A. Peters, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

NOTA: le informazioni contenute in questa colonna non devono essere interpretate nel senso di fornire una consulenza psicologica o medica specifica, ma piuttosto di offrire ai lettori informazioni per comprendere meglio la vita e la salute di se stessi e dei loro figli. Non intende fornire un’alternativa al trattamento professionale o sostituire i servizi di un medico, psichiatra o psicoterapeuta.