‘Inescusabile’: Stephen Collins si scusa per la condotta sessuale inappropriata con ragazze minorenni

Stephen Collins, l’attore più noto come il pastore dell’ex hit “7th Heaven,” ha ammesso di avere una condotta sessuale inappropriata con ragazze minorenni in una dichiarazione condivisa esclusivamente con la rivista People. 

In una frase di mille parole, Collins ha definito il suo comportamento “imperdonabile”, affermando di non aver mai fatto nulla dal suo ultimo incidente, che sostiene di aver presentato a una ragazzina nel 1994. 

“Mi rammarico profondamente per gli errori che ho commesso e per il dolore che ho causato a queste tre donne”, ha scritto Collins. “Ammetto, mi scuso e mi assumo la responsabilità per quello che ho fatto.” 

Scrive di essersi esposto due volte a una ragazza pre-adolescente nel 1973, quando aveva 25 anni, e di aver avuto un altro incontro inappropriato con la stessa ragazza nella sua casa. 

“Quando io e la ragazza stavamo guardando la TV da soli, ho spostato la mano in modo tale da indurla a toccarmi in modo inappropriato”, ha scritto Collins. “È stato un atto completamente impulsivo, e mi ha perseguitato fin da allora per pensare a cosa L’ho fatta passare. 

Collins sostiene inoltre di essersi esposto a ragazze adolescenti nel 1982 e nel 1994 ed è stato in terapia negli ultimi 20 anni. Ha scritto che non ci sono stati incidenti durante i suoi 11 anni come membro del cast di “7th Heaven”. 

“Sono apparsa per undici stagioni in una serie televisiva con un cast che includeva femmine minori nella nostra famiglia televisiva e innumerevoli altre giovani attrici negli undici anni della serie”, ha scritto. “Non mi sono mai comportato in modo inappropriato all’interno o all’esterno di quel set – o su qualsiasi set su cui abbia mai lavorato. “

Presumibilmente Collins avrebbe ammesso di avere un comportamento sessuale inappropriato con ragazze in un’audiocassetta rilasciata da TMZ in ottobre, che secondo lui è stata registrata segretamente dalla sua estranea moglie, Faye Grant, durante una sessione di consulenza matrimoniale nel 2012. Grant, che si trova nel mezzo di un procedimento di divorzio con Collins, sostiene di aver dato il nastro alla polizia, ma non l’ha fatto trapelare ai media. Nessuna delle presunte vittime si è fatta avanti e nessuna accusa criminale è stata intentata contro Collins, che ha perso più ruoli di recitazione in seguito alla rivelazione. 

Segui lo scrittore di TODAY.com Scott Stump su Twitter e Google+.