L’ex cheerleader di New Orleans Saints dice che i suoi allenatori chiamavano i “predatori” dei giocatori

Una ex cheerleader di New Orleans Saints che ha presentato una denuncia federale contro la squadra ha detto che gli allenatori di cheerleading hanno descritto i giocatori della squadra come “predatori” e hanno avvertito i membri della squadra di stare lontano da loro.

Bailey Davis, che ha detto di essere stata licenziata dalla squadra di cheerleader dei santi su una foto che ha postato sul suo account Instagram privato, ha detto che una rigida politica di fraternizzazione proibisce alle cheerleaders di interagire con i giocatori oltre a dire “buongiorno” e “buon gioco”.

La cheerleader della NFL presumibilmente licenziata sul post di Instagram parla su Megyn Kelly TODAY

Mar.28.201810:46

“Mi hanno detto che era perché, ‘Sei una ragazza carina. Sei sul campo. Vorrà parlarti “, ha detto Davis a Megyn Kelly OGGI nella sua prima intervista dal vivo.” Dicono, ‘I giocatori sono giocatori’ “.

Davis ha detto che un’e-mail degli allenatori di cheerleader ha suggerito che le regole erano intese a proteggere le donne.

“Dicono che vogliono proteggerci dai giocatori, che i giocatori sono predatori e che vorranno prenderci la testa”, ha detto Davis..

Davis, 22 anni, ha trascorso tre stagioni nella squadra di cheerleader dei santi, o “Saintsations”, come sono conosciuti. Ha detto di essere stata licenziata a gennaio dopo aver postato una foto di se stessa con indosso un abito intero sul suo account Instagram privato.

Ex New Orlean Saints cheerleader Bailey Davis in her outfit, and the picture that got her fired.
Davis nel suo abito da Santi e l’immagine privata di Instagram che l’ha fatta licenziare.Getty Images, Bryce Ell

Il team ha detto che la foto ha violato una regola che proibisce alle cheerleader di apparire “nude”, “semi nude” o in “lingerie”. La squadra l’ha anche accusata di aver infranto un’altra regola che proibisce alle cheerleader di andare a una festa in cui i giocatori sono presenti.

Nella sua intervista Mercoledì, Davis ha detto a Megyn Kelly che le è stato detto che la sua espressione nella foto era “sporca”.

“Mi hanno detto che era spiacevole. Avevo una “faccia sporca”, che la rendeva disgustosa “, ha detto l’ex cheerleader. “Inoltre, ha messo in discussione il mio personaggio e ho invitato i giocatori a contattarmi.”

Davis ha presentato una denuncia alla Commissione federale per le pari opportunità di lavoro durante il suo licenziamento, accusando i santi di fare seguire alle cheerleader un insieme di regole restrittive che non si applicano ai calciatori maschi.

Una telefonata e un’e-mail alla ricerca di commenti dal team legale di Saints mercoledì non sono state restituite immediatamente.

La cheerleader della NFL licenziata su Instagram post dice che c’è un doppio standard

Mar.27.201803:42

All’inizio di questa settimana, Gregory Rouchell, consulente legale esterno per i santi, ha detto alla NBC News che la squadra ha negato l’applicazione forzata delle regole di condotta ingiustamente.

“I santi di New Orleans non tollerano discriminazioni di alcun tipo, e in particolare nega che la signora Davis sia stata trattata in modo diverso a causa del suo sesso”, ha detto Rouchell in una dichiarazione. “L’organizzazione non vede l’ora di chiarire eventuali illeciti riguarda le sue politiche e le regole sul posto di lavoro. “

L’avvocato di Davis, Sara Blackwell, ha detto a Megyn Kelly OGGI che mentre alle cheerleader era proibito interagire con i giocatori di persona e online, “nessuna regola” si applicava ai giocatori stessi.

“Hanno il permesso di fare tutto ciò che vogliono. E loro, spero, sono indignati dal fatto che siano trattati come predatori “, ha detto Blackwell su OGGI.

“Non so nemmeno se i giocatori conoscano queste regole. Ma quando raggiungono le cheerleader, e Bailey può solo dire “buon gioco”, si sente come se fosse una snob, o si sente male per essere poco amichevole. “

Davis non sta cercando il suo lavoro, ma ha detto che spera di aiutare gli altri in posizioni simili a ricevere un trattamento più equo.

“Siamo a favore dei diritti delle donne a questo punto”, ha detto Blackwell.

“Speriamo di difendere non solo per livellare il campo di gioco degli atleti, ma per ogni carriera”, ha aggiunto.