L’olimpionico Jon Lillis condivide la sensazione di competere in onore del defunto fratello

Lo sciatore aereo Jon Lillis sapeva che a suo fratello minore, Mikey, non sarebbe piaciuto niente di più che vederlo gareggiare per il Team USA a Pyeongchang, quindi ha fatto del suo meglio per portarlo avanti per il viaggio.

“Penso che avrebbe pensato che fosse la cosa più bella di sempre”, ha detto Lillis a Savannah Guthrie e Hoda Kotbon TODAY Monday.

Jon Lillis on honoring brother at the Olympics
Lo sciatore aereo del Team USA Jon Lillis (al centro) ha fatto del suo meglio per onorare il suo defunto fratello Mikey (a sinistra) a Pyeongchang mentre il fratello minore Chris (a destra) lo incoraggiava. Per gentile concessione di Jon Lillis

“Era un superfan e anche un atleta: vedendo il viso di mio fratello Chris e sapendo quanto si stesse divertendo, penso che Mikey avrebbe pensato a tutto il mondo.”

Lillis, 23 anni, ha fatto del suo meglio per onorare Mikey, 17 anni, morto nel sonno alla casa dei genitori per cause sconosciute il 21 ottobre.

Mentre Lillis ha terminato la corsa per una medaglia con un ottavo posto domenica, si è assicurato che Mikey fosse vicino al suo cuore indossando la vecchia tuta da salto aereo di Mikey con le sue iniziali ancora sul colletto.

“Era agrodolce, e penso che tutto quello che faccio qui sia stato in onore di mio fratello”, ha detto Lillis..

Jon Lillis competes at Pyeongchang Olympics
Jon indossava la vecchia tuta aerea di Mikey mentre gareggiava a Pyeongchang.Getty Images

Jon ha anche indossato un ciondolo appositamente realizzato con le ceneri di Mikey durante la cerimonia di apertura.

Mikey era il più giovane dei tre fratelli affiatati di Rochester, New York, che tutti avevano sperato di competere alle Olimpiadi un giorno.

Chris Lillis, 19 anni, è una stella nascente nello sci aereo che era in lizza per un posto nel team statunitense a Pyeongchang prima di strappare l’ACL al ginocchio mentre gareggiava in Cina a dicembre.

I loro genitori, Bernie e Jamie, hanno riflettuto sul giorno devastante in cui Mikey non si è svegliato, pochi mesi prima che suo fratello maggiore realizzasse il suo sogno di competere alle Olimpiadi.

Mikey Lillis, Jon Lillis, Olympics aerial skiing
Jon (a destra) ha detto che Mikey (a sinistra) avrebbe pensato che essere alle Olimpiadi fosse “la cosa più bella di sempre”. Per gentile concessione di Jon Lillis

“Sono salito le scale e sapevo che quando ho colpito il pianerottolo qualcosa era veramente sbagliato e lo sapevo subito quando sono entrato nella sua stanza”, ha detto Jamie a Kate Snow su TODAY Monday.

“Siamo passati dalla cima del mondo a meno male di quanto possano ottenere”, ha detto Bernie. La comunità di Rochester si è radunata attorno al Team Lillis e ha anche creato l’hashtag #jumpingforMikey per mostrare il loro supporto.

Jon ha fatto del suo meglio per allenarsi nel dolore, usando Mikey come fonte d’ispirazione.

La passione di Sarah Hendrickson per il salto con gli sci ha contribuito ad aprire lo sport olimpico a più donne

Feb.11.201807:57

“Quando non aveva voglia di fare un altro salto, sentiva suo fratello dire, scendi dal culo e sali lì”, disse Bernie..

“È stata una strada difficile”, ha detto Jon, “ho dovuto mettere da parte un po ‘di emozione e basta farlo per lui e usarlo come guida e un po’ di extra per uscire e spingere più duro che potevo. “

Segui lo scrittore di TODAY.com Scott Stump su Twitter.