“La alleno”: la sorella di Amanda Knox sul legame familiare

Era il 2011 e Amanda Knox aveva molto da recuperare.

“Ha chiesto chi fosse Justin Bieber,” Deanna Knox ha detto a Carson Daly dei primi momenti dopo che sua sorella è stata scarcerata. “E ‘stato divertente.”

“Ho sentito una battuta che qualcuno è tipo, ‘Non saprai nemmeno chi è Justin Bieber’, e io sono tipo, ‘Sì, non so chi sia,’ ” Amanda ha detto nell’Orange Stanza il venerdì “Ho pensato che fosse strano come fossero tutti sui loro telefoni touchscreen perché non era quello che stava succedendo prima.”

Per quasi quattro anni imprigionati in Italia, una delle sue più grandi paure si stava allontanando dalla sua famiglia.

Amanda Knox (left) and younger sister Deanna have been able to reconnect after she was acquitted in 2011 after spending nearly four years in an Italian prison on a murder conviction that was overturned.
Amanda Knox (a sinistra) e la sorella minore Deanna si sono ricollegate dopo essere stata assolta nel 2011. Oggi

“Avevo paura di perdere l’un l’altro perché a un certo punto le nostre vite sarebbero state così diverse, non ci capiremmo”, ha detto Amanda. “Era terrificante.

“Col passare del tempo, temevo che per quanto mi riguardassero, ci stavamo perdendo l’un l’altro perché con l’esperienza che ci separava, le loro vite stavano andando a casa e la mia vita stava procedendo in prigione”. ‘ 

Amanda Knox sul nuovo processo: “È tutto in gioco”

Si sentiva “fortunata” rispetto agli altri detenuti “che sfortunatamente avevano una famiglia che non poteva visitarli o che non avevano famiglia e sono stati completamente abbandonati”, ha detto. “Ho avuto la fortuna di far visitare due volte la mia famiglia una settimana non importa cosa, c’era qualcuno lì, la telefonata di 10 minuti una volta alla settimana era così importante. “

Amanda Knox (far left) said her younger sisters went from
Amanda Knox (a sinistra) ha detto che le sue sorelle più piccole sono passate da “bambini piccoli” a “ragazze” mentre era in prigione. Oggi

Quando fu assolta e tornò nella sua casa nella zona di Seattle, si ricollegò con Deanna e le sue due sorelle più giovani.

“Deanna è più vicina alla mia età, quindi non è stato così sorprendente quando sono tornato a casa”, ha detto Amanda a Daly. “Potremmo andare insieme a bere un bicchiere di vino all’improvviso, cosa che prima non avevamo il permesso di fare. Ho anche due sorelle più giovani. Quando me ne sono andato, erano bambini piccoli e quando sono tornato erano ragazze. All’improvviso stavamo guidando la macchina insieme e ascoltando musica rap. È stato bello.”

“Ho avuto modo di provare tutte le cose che mi mancavano”, ha detto Deanna. “Sto solo uscendo a pranzo e prendendo un caffè veloce.”

Leggi: Amanda Knox immagina la vita in prigione con “lettera al mio bambino non ancora nato”

Ma un concerto di Mumford & Sons è stata un’esperienza un po ‘dura.

Minore sister Deanna has helped Knox catch up on everything she's missed, like touchscreen phones and Justin Bieber, and also has tried to make sure her sister takes time to have fun.
La sorella minore Deanna ha aiutato Knox a recuperare tutto ciò che le mancava, come i telefoni touchscreen e Justin Bieber, e ha anche cercato di assicurarsi che sua sorella prendesse il tempo per divertirsi. Oggi

“Sono andato a un concerto quando sono tornato a casa, ma per me è stato un po ‘claustrofobico”, ha detto Amanda. “Era una musica meravigliosa. Sono stato proprio bene. Non ero abituato a stare di nuovo intorno alle persone, quindi avevo un po ‘di claustrofobia, ma ora sta migliorando molto. Vado all’università ed è una grande università, quindi sono lì con un sacco di gente. ”

Quindi Deanna sta cercando di aiutare sua sorella a rilassarsi.

“La sciolgo” disse Deanna. “È un po ‘tesa ora, quindi è qui che vengo. Ci stiamo lavorando.”

“Sono una persona molto diversa per quello che è successo”, ha detto Amanda. “Deanna dice che non mi diverto, quindi cerca di aiutarmi a divertirmi.” 

39 foto

Presentazione

Amanda Knox: la sua lunga saga legale

La lunga saga legale di Amanda Knox, una studentessa americana accusata della morte violenta del suo compagno di stanza, la studentessa britannica Meredith Kercher, ha fatto notizia in tutto il mondo da quando è iniziata a Perugia, in Italia, alla fine del 2007..