Lolita di scuola elementare: ‘So Sexy So Soon’

Nel loro nuovo libro “So Sexy So Soon” gli autori Diane Levin e Jean Kilbourne scrivono sulla tendenza dei bambini a diventare sessuosi in giovane età grazie a immagini dei media e campagne di marketing che incoraggiano i giovani ad essere “sexy” e offrono consigli su come i genitori possono proteggere i loro figli. Un estratto.

Capitolo uno: mai troppo giovane per essere sexy
Non è mai stato facile essere genitori. Ma oggi è diventato ancora più difficile. Un sondaggio del 2002 condotto da un’organizzazione chiamata Public Agenda ha rilevato che il 76% dei genitori ritiene che sia molto più difficile allevare bambini oggi rispetto a quando crescono, e il 47% ha riferito che la sfida maggiore era cercare di proteggere i propri figli da influenze negative della società incluse immagini disturbanti e confuse, violenze e messaggi inappropriati per età presenti nei media. Come avresti risposto a questo sondaggio? Anche tu stai avendo difficoltà a cercare di proteggere i tuoi figli dalle influenze negative? Hai difficoltà a stabilire e applicare limiti sui media a cui i tuoi figli sono esposti – per determinare quanto, quando e cosa? Come genitori, ti viene spesso detto che è compito tuo “basta dire di no” a tutti i contenuti inappropriati là fuori, e che questo risolverà il problema. Ma solo dire no non risolverà il problema, e comunque, non puoi dire di no a tutto! Invece, dobbiamo semplicemente occuparci della cultura popolare nella vita dei nostri figli, spesso nei momenti più inaspettati, in modi imprevisti e se vogliamo o no. Questo libro è progettato per aiutarti a fare proprio questo. E per poterlo fare, il primo ordine del giorno è quello di esaminare e riconoscere quando e come la nuova infanzia sessualizzata sta influenzando i bambini fin dalla giovane età.

Diversi libri recenti e notizie e rapporti di ricerca hanno espresso preoccupazione per le attuali attitudini sessuali e il comportamento di molti adolescenti, e anche per i sempre più giovani (da otto a dodici anni). Questi racconti spesso fanno sembrare che il comportamento in questione appaia improvvisamente fuori dal vuoto quando i bambini entrano nelle scuole superiori (o nelle scuole medie). Raramente sentiamo parlare di quello che stava succedendo nei primi anni che ha aperto la strada a quello che sta succedendo con gli adolescenti.

Nella vita dei bambini ci sono molte cose che ruotano attorno a questioni di sessualità e sensualità che è importante per gli adulti premurosi nella loro vita da riconoscere. Le seguenti storie di genitori e insegnanti rendono molto chiaro che se vogliamo comprendere e affrontare la sessualizzazione dell’infanzia, dobbiamo iniziare i nostri sforzi con bambini molto piccoli.

Piangere nella vasca da bagno
Jennifer ha riferito che una sera, non molto tempo fa, sua figlia Hannah, di sette anni, ha iniziato a piangere nella vasca da bagno. Allarmato, Jennifer ha chiesto cosa c’era che non andava. Hannah ha risposto: “Sono grasso! Sono grasso! Voglio essere carina come Isabelle – sexy come lei! Poi anche Judd vorrebbe me! “Jennifer conosceva Isabelle, una ragazza molto magra e molto popolare nella classe di Hannah che indossava abiti” alla moda “che Jennifer riteneva inappropriati per un bambino di sette anni. Jennifer mise una mano sulla spalla di Hannah e disse che le piaceva il corpo di Hannah: era un corpo meraviglioso per un bambino di sette anni e certamente non aveva bisogno di dimagrire. Ma Hannah ha continuato a piangere e ha detto che voleva andare a dieta. Jennifer era incerta su cosa dire o fare dopo. Secondo lei, Hannah aveva un corpo normale per una bambina di sette anni. Jennifer pensò che doveva essere anormale per un bambino così piccolo pensare alle diete, per non parlare dei ragazzi che volevano essere “carina” e “sexy”. Ma, normale o no, Jennifer vide che Hannah era veramente preoccupata e angosciata, e lei voleva fare qualcosa per aiutare.

Mentre Jennifer si sforzava di comprendere l’esplosione di Hannah, era tentata di attribuire molta responsabilità agli amici di Hannah, che stavano diventando sempre più influenti e importanti per lei. Recentemente, Hannah è tornata a casa da una persona che racconta di aver avuto una sfilata di moda con le bambole Bratz della sua amica. Jennifer era preoccupata del fatto che quando Hannah e le sue amiche giocavano insieme, recitavano spesso per “date” e matrimoni con le loro bambole Barbie, ma era davvero inorridita dal tempo trascorso in altre case con le bambole Bratz – con il loro nome, il loro corpi anoressici, la loro sessualità palese e il loro guardaroba, così come l’attenzione sul ping e l’apparenza come punto del gioco. Quando ha espresso le sue riserve sul fatto che Hannah abbia le bambole, Hannah ha detto che tutti gli altri li avevano e che amava giocare con loro nelle case degli altri bambini. A lei e alle sue amiche piaceva vestirli e farli andare a fare ping e uscire con le date. Sebbene Jennifer non cedesse, non era sicura di cosa avrebbe fatto quando il compleanno di Hannah arrivò il mese seguente. Era certa che alcune altre ragazze avrebbero regalato queste bambole a Hannah come regali. Anche se Jennifer li avesse portati via, sapeva che Hannah avrebbe continuato a giocare con loro nelle case dei suoi amici. Recentemente, Hannah ha iniziato a lamentarsi di entrare a far parte del sito Web Bratz, una comunità online in cui i bambini possono giocare e comprare cose per le loro bambole Bratz nel cyberspazio, insieme ad altri bambini che hanno effettuato l’accesso.

In fondo, tuttavia, Jennifer si rese conto che ciò che la preoccupava di più era il ruolo che avrebbe avuto questo interesse per l’aspetto, la popolarità e la sensualità. Se Hannah era insoddisfatta del suo corpo all’età di sette anni, si chiese come avrebbe potuto provare a tredici anni. Jennifer aveva visto notizie su un aumento del comportamento sessuale precoce tra bambini e adolescenti, e sapeva che i disordini alimentari erano in aumento, anche tra le bambine. Le lacrime di Hannah sul suo corpo erano il primo segno di un tale problema per lei? Qual era la relazione tra le preoccupazioni sull’immagine corporea e la sessualità? E cosa intendeva per “essere sexy” comunque? Sapendo quanto alta fosse la posta in gioco, Jennifer si sentiva quasi alla disperata ricerca del modo giusto per rispondere. Ma era arrabbiata con se stessa per essersi sentita insicura, persino ansiosa, di conoscere la cosa giusta da dire o da fare.

Ragazze di wrestling professionista
Nora, una maestra d’asilo di grande esperienza, ci ha raccontato di un incidente con un bambino che l’ha lasciata a rimuginare per capire come rispondere. Nel suo diario scolastico quotidiano, James, che aveva cinque anni, aveva disegnato un disegno di quello che a Nora sembrava una donna, con i capelli lunghi e le labbra rosse e brillanti e grandi cerchi ondulati sul petto che sembravano seni. Accanto al disegno aveva scritto la lettera W ancora e ancora. Nora gli ha chiesto di parlarle della sua foto. Fu presa alla sprovvista quando James spiegò che il suo disegno era “una ragazza di wrestling professionista con grosse tette”.

“All’inizio pensavo che stesse cercando di essere fresco, di essere un ragazzo saggio, ma mi sono preso prima che reagissi troppo duramente”, riferì Nora. “Ho fatto un respiro profondo e ho cercato di riflettere su come rispondere. Ho deciso di iniziare con una domanda. “(Questo è quasi sempre un buon modo per iniziare quando non sei abbastanza sicuro di cosa dire.) Quindi Nora chiese a James cosa sapeva di” ragazze in lotta “. rispose con gli occhi spalancati: “L’ho vista in TV ieri sera con il mio [grande] fratello, Brett. Stava facendo da babysitter! Mi ha lasciato stare alzato fino a tardi e guardare con lui! È un segreto! “Era contenta di avergli fatto la domanda iniziale su quello che sapeva delle ragazze di wrestling, perché la sua risposta l’aiutò a iniziare a capire cosa stava succedendo a James.

Nora ricordò che era l’espressione sul viso di James quando le rispose, sia con spavalderia che preoccupazione allo stesso tempo, che la lasciò confusa e preoccupata. Sapeva che i genitori di James erano abbastanza chiari nel limitare la quantità e il tipo di media nella sua vita. Sapeva quanto James ammirasse il quattordicenne Brett e ammirasse tutto ciò che faceva. Era abbastanza sicura che i genitori di James sarebbero stati angosciati se sapessero del segreto di Brett e James! Era anche abbastanza sicura che se James avesse condiviso il segreto con lei, stava chiedendo qualcosa, ma che cosa era esattamente?

Piuttosto che cercare di risolvere tutto con James in quel momento, Nora ha deciso di acquistare un po ‘di tempo per pensare a cosa fare. Così disse a James, “Sembra che tu abbia visto cose che non hai mai visto prima … cose che non erano per i bambini dell’asilo. Sono felice che tu mi abbia parlato del tuo segreto. “James sorrise e mise via il suo diario.

Dopo che l’evento era finito, c’era molto da pensare a Nora. Perché James ha deciso di rivelare il segreto a lei e farlo attraverso il suo diario giornaliero? Perché ha scelto di concentrarsi sul seno? Sapeva che concentrarsi su di loro poteva essere visto come provocatorio per il suo insegnante o avere connotazioni sessuali? Dopotutto, ciò che significa sesso per un adulto potrebbe significare qualcosa di completamente diverso rispetto a un bambino di cinque anni. James stava cercando di usare il suo disegno per vantarsi e sentirsi più cresciuto quando aveva visto questo programma per adulti? O avrebbe potuto fare il suo disegno perché aveva bisogno di qualcuno con cui parlarne quando sapeva che non poteva rivelarlo ai suoi genitori perché era un segreto? Stava testando Nora per vedere se si sarebbe arrabbiata o arrabbiata, o stava cercando di aiutarlo a smistare l’esperienza?

Nora cominciò a pensare alla questione più ampiamente di James. Se James ha disegnato la sua foto della “wrestling girl professionale” come un modo per parlare ad un adulto di qualcosa di inquietante che ha visto sullo schermo, come Nora ora pensava di fare, anche altri bambini hanno bisogno di tali opportunità per elaborare il contenuto grafico che sono vedere nei media e nella cultura popolare? Bene, quindi, con chi stanno parlando? Con quale frequenza i bambini finiscono per vedere cose che i loro genitori non vogliono che vedano e poi imparano a non parlare con gli adulti a riguardo? E quando sperimentano il frutto proibito, cosa insegna loro sull’onestà e l’inganno e sulla natura della loro relazione con gli adulti importanti nella loro vita?

Alla fine, Nora iniziò a sentirsi meglio su come aveva risposto a James e si rese conto di aver imparato una lezione importante per il suo futuro insegnamento: se hanno paura o vogliono sentirsi grandi e impressionare gli altri con quello che hanno visto, questo è il tipo di conversazione con un adulto di cui i bambini hanno spesso bisogno per aiutarli ad affrontare il sesso e la violenza che vedono. Inoltre, tali conversazioni potrebbero anche essere utilizzate per insegnare ai bambini lezioni alternative a ciò che stanno imparando dallo schermo.

Ma Nora non l’ha lasciato lì. Cominciò a pensare a cosa avrebbe dovuto succedere oltre l’aula. Quale dovrebbe essere il ruolo delle scuole nell’aiutare i bambini (ei loro genitori) ad affrontare la cultura dei media sessualizzata? In che modo questa esperienza con James ha riguardato i dibattiti che infuriavano in tutto il paese sull’opportunità di insegnare l’educazione sessuale – e, in tal caso, di che tipo e quando? Più in particolare, aveva la responsabilità di parlare con i genitori di James dell’episodio della wrestling? Se avesse parlato con loro, questo avrebbe turbato James e gli avrebbe fatto sentire che non poteva fidarsi degli insegnanti e degli altri adulti per aiutarlo a gestire segreti spaventosi la prossima volta? Oppure parlare con i genitori aiutarli a connettersi in modo più positivo con James in modo che sarebbe più facile per lui utilizzarli la volta successiva, piuttosto che il suo insegnante, per parlare di ciò che aveva visto in TV?

Nora era a conoscenza di un rapporto della Kaiser Family Foundation del 2006 secondo cui molti bambini trascorrevano più tempo a dedicarsi ai media che a qualsiasi altra cosa che non fosse dormire. Quindi, perché l’educazione ai media non è stata parte del programma scolastico? Perché le scuole non hanno visto che hanno un ruolo vitale da svolgere nell’aiutare a influenzare le lezioni che i media stanno insegnando ai bambini? La spinta a insegnare le “basi” per i test standardizzati proviene dal mandato del governo federale “No Child Left Behind” che nascondeva i contenuti su cui i bambini avevano urgente bisogno di lavorare? Se i bambini non avevano le strade per affrontare i loro sentimenti sui contenuti dei media, cosa è successo a questi sentimenti? Il loro coinvolgimento con le immagini e i comportamenti disturbanti e confusi che vedevano li distraeva dal dare tutto al lavoro scolastico tradizionale?

Mentre non c’era una risposta giusta o facile alla maggior parte delle domande di Nora, si rese conto che la crescente esposizione dei bambini nella sua classe alla confusione dei contenuti sessuali stava creando nuove sfide per lei che doveva prendere sul serio. Abbiamo bisogno di più insegnanti come Nora nel mondo di oggi!

“Che cosa è un pompino?”
Meghan ha raccontato con ovvia angoscia che la figlia di sette anni, Eva, era tornata a casa da scuola il giorno prima e ha chiesto, “Mamma, che cosa è un pompino?” Il primo impulso di Meghan è stato dire a Eva che non era qualcosa per bambini, era per gli adulti e per interrompere la conversazione allora e là. Ma qualcosa sulla sincera espressione della faccia di Eva fece riflettere Meghan. “Stai calmo, stai calmo!” Si disse. Poi ha chiesto, “Dove hai sentito parlare di pompini?” Eva ha risposto che ne aveva sentito parlare a scuola. Meghan ha seguito, “Che cosa hai sentito a riguardo?” Eva ha risposto, “È il sesso.” Meghan non riusciva a immaginare dove andare dopo con la conversazione.

Meghan aveva sempre cercato di proteggere Eva dall’esposizione alla violenza e al sesso nei media. Ma da quando Eva era entrata in una grande scuola elementare con molti bambini che non erano protetti come Eva, Meghan sentiva che stava sempre più perdendo la sua capacità di controllare questa esposizione. Questo nuovo episodio lascia a Meghan la sensazione che le cose siano davvero fuori controllo. Era stata consapevole, con un certo grado di ambivalenza, che avrebbe potuto aver bisogno di parlare con Eva su questioni come il sesso orale durante l’adolescenza o anche gli anni preadolescenti. Aveva sentito notizie su episodi di sesso orale nelle scuole superiori. Aveva letto che diversi ragazzi in una scuola privata vicino a Boston furono espulsi perché una ragazza aveva fatto sesso orale su tutti loro nello spogliatoio. Più di recente, un amico le aveva detto che due ragazze al bar mitzvah avevano fatto sesso orale al bar mitzvah in bagno. Sicuramente è stata disturbata da questi incidenti, ma era completamente sconvolta dal fatto che il soggetto avesse inventato Eva all’età di sette anni.!

Meghan e suo marito avevano parlato di come volevano essere aperti e a proprio agio con Eva quando parlava di sesso. Ma si erano aspettati che le prime domande di Eva riguardassero da dove venissero i bambini, non questo. Questo semplicemente non era quello che avevano in mente! Meghan dovrebbe effettivamente descrivere il sesso orale? Cosa potrebbe significare questo per un bambino di sette anni? E in che modo la sua spiegazione avrebbe influito sulla comprensione di Eva del sesso e delle relazioni tra gli adulti premurosi, sia a breve che a lungo termine? Anche Meghan non sapeva cosa pensare dei bambini che avevano usato il termine “pompino” in presenza di Eva. Dove stavano prendendo questa lingua? Cosa sapevano?

Potresti pensare che l’esperienza di Meghan sia un’aberrazione. Inizialmente lo abbiamo pensato anche noi. Certamente non è un’esperienza quotidiana che i genitori hanno con i loro figli. Ma quando abbiamo condiviso questa storia con un gruppo di genitori in un’opera, un padre eccitato (e apparentemente con sollievo) ha alzato la mano e ha detto: “La stessa cosa è successa con mio figlio. Ha otto anni e la scorsa settimana è tornato a casa da scuola chiedendo: “Cosa significa” succhiare il tuo d “?” Ho pensato che eravamo l’unica famiglia che si occupava di questo. Ecco perché siamo venuti a parlare stasera! ”

Molestie sessuali all’età di 5 anni?
Jason si è messo nei guai un giorno quando il suo compagno di classe Ashley è tornato a casa da scuola e ha riferito ai suoi genitori che Jason le aveva detto che voleva “fare sesso” con lei. I genitori di Ashley, molto arrabbiati, le dissero che non avrebbe mai più dovuto giocare con Jason, che era un cattivo ragazzo. Quindi contattarono l’insegnante e il preside e chiesero un incontro con i genitori di Jason. Tutti gli adulti coinvolti erano preoccupati per quello che potrebbe accadere a casa di Jason per lui di venire con un tale commento all’età di cinque anni. In alcune circostanze, tali commenti da parte di bambini piccoli possono essere un’indicazione di abusi sessuali. Il preside, un convinto sostenitore della politica della Zero Tolerance della scuola, secondo cui ogni bambino che ha commesso un atto di aggressione o violenza era soggetto a sospensione, stava considerando una breve sospensione per insegnare a Jason che non avrebbe mai dovuto dire una cosa del genere.

Fortunatamente per il piccolo Jason, lo psicologo scolastico si è incontrato con lui prima che questo potesse accadere. Gli disse che alcune persone erano preoccupate per quello che aveva detto ad Ashley. Gli chiese se le avrebbe detto cosa aveva detto e cosa avrebbe voluto fare ad Ashley. Jason scoppiò immediatamente in lacrime. Singhiozzò: “Volevo baciarla. Lei mi piace. Mi piace. “Questa era la prima volta che qualcuno si era preso la briga di chiedere a Jason cosa intendesse con quello che aveva detto, un errore potenzialmente dannoso da parte degli adulti. Stavano tutti usando una lente per adulti per interpretare quello che diceva sul sesso, non sulla lente di un bambino. Spesso quando gli adulti pensano al “sesso”, i bambini hanno qualcosa di molto diverso nelle loro menti.

Una domanda importante da porre in questa situazione è in che misura il commento di Jason è nato dai suoi sforzi per dare un senso ai messaggi sull’affetto, il sesso e le relazioni che potrebbe ottenere ogni giorno dalla cultura popolare. Sebbene sia difficile rispondere a questa domanda col senno di poi, in questi tempi è probabilmente sicuro presumere che la cultura popolare avrebbe potuto svolgere un ruolo significativo. Se non fosse stato per lo psicologo scolastico, avrebbe potuto essere punito per aver fatto qualcosa che aveva imparato e interiorizzato da quei messaggi. Jason, tanto vittima della cultura popolare sessualizzata come Ashley, è stato anche vittimizzato dalla paura e dall’incomprensione degli adulti.

Non possiamo che essere grati che lo psicologo abbia trovato un modo per connettersi con Jason, per ascoltare il suo punto di vista. Possiamo sperare che Jason abbia avuto il tipo di sostegno di cui aveva bisogno per riconquistare la sua fiducia in se stesso e imparare come esprimere affetto per i suoi coetanei in modi appropriati. Speriamo anche che Ashley abbia aiutato a superare la risposta sbagliata e inquietante che ha ricevuto dalle parole di Jason dagli adulti intorno a lei.

Una storia molto pubblicizzata su una ragazza di prima elementare nella zona di Boston non ha avuto un lieto fine. Un ragazzo è stato sospeso da scuola per una settimana quando una ragazza della sua classe ha riferito di aver toccato la sua pelle nella cintura della parte posteriore dei pantaloni. La politica di Tolleranza Zero nella sua scuola non lasciava spazio per prendere in considerazione la comprensione o le possibili necessità di questo bambino di sette anni. Ancora una volta, ecco un bambino che paga un prezzo elevato per la nuova reazione sessualizzata dell’infanzia e degli adulti. Entrambe le storie illustrano una tendenza molto inquietante: gli adulti diventano sempre più tosti su come l’ambiente sessualizzato sta colpendo i bambini, finiscono per attribuire l’intento adulto a comportamenti che sarebbero stati interpretati come “i bambini sono solo bambini” in passato.

Ribellione adolescenziale prematura
Il grande argomento di conversazione per l’ottavo compleanno di Tessa è stato l’imminente festa – un pigiama party con i suoi tre migliori amici e uno spettacolo magico per l’intrattenimento. Tessa e suo padre stavano imparando trucchi magici insieme e Tessa era entusiasta di questa nuova abilità. Entrambi i genitori erano entusiasti anche dello spettacolo di magia, dal momento che avevano temuto che Tessa volesse mostrare ai suoi ospiti un DVD per l’intrattenimento. È sempre stato un problema scegliere uno appropriato. Alla festa, lo spettacolo magico è stato un grande successo, e Tessa ha insegnato ai suoi amici apprezzati come fare i trucchi. Ma più tardi la sera scoppiò la bolla per i genitori.

Dopo il gelato e la torta, le ragazze si ritirarono nella camera di Tessa per prepararsi per andare a letto. Circa mezz’ora dopo la madre di Tessa, Kate, entrò silenziosamente nel corridoio per vedere come stavano. Attraverso la porta della camera da letto, leggermente socchiusa, sentì per caso una conversazione che le tolse il respiro. Le ragazze stavano parlando di quello che Cassie, una ragazza della loro classe che non era alla festa, aveva portato a scuola quel giorno – una maglietta che mostrava l’ombelico. Kendra disse: “Mia madre dice che non posso averne uno. Continuo a dirle che non è giusto. “MacKenzie ha detto senza esitazione che sua madre le ha permesso di scegliere i vestiti che voleva e la mamma di Kendra era davvero cattiva per non lasciare che Kendra scelga i suoi vestiti. Emily fu d’accordo. Tessa sembrava non partecipare molto. Mentre Kate continuava a origliare, ha imparato che “i ragazzi come Cassie”. La inseguono nel parco giochi, e uno dei ragazzi in realtà le corse incontro e la baciò! Kate ha anche saputo che il ragazzo è il “ragazzo” di Cassie ora, e gli piace perché è “sexy”.

Le ragazze continuavano a parlare – di come non fosse giusto che Cassie indossasse quello che voleva. Perfino MacKenzie ed Emily, che avevano camicie che mostravano i loro ombelichi, si lamentavano del fatto che non potevano indossarli a scuola. Inoltre, le ragazze hanno poi discusso di come avrebbero potuto convincere i loro genitori a fargli indossare queste magliette a scuola. MacKenzie ed Emily hanno dato a Tessa e Kendra consigli su come poter bypassare i loro genitori facendo in modo che i loro nonni comprassero loro le maglie dell’ombelico. Tutte le ragazze hanno convenuto che i nonni acquistano spesso cose che i genitori non comprano.

MacKenzie si vantava di aver visto una copia della rivista CosmoGIRL! a casa di sua cugina adolescente. Ha mostrato modelli davvero magri che indossavano camicie con un ombelico veramente corto che erano “tremendamente cool”. C’era persino un articolo sulla dieta. Ciò ha indotto Tessa a fare pipì, annunciando con orgoglio che era a dieta e che sarebbe stata davvero magra. Le altre ragazze hanno detto che avrebbero fatto anche le diete. Kate si chiedeva come mai Kendra, che in realtà era un po ‘sovrappeso e fosse stranamente silenziosa, si sentisse in questa discussione.

Kate fu colpita. Era sconvolta dal fatto che gli otto anni stessero pensando e parlando di cose del genere. Pensava che argomenti del genere – preoccupati di essere sexy, magri e popolari con i ragazzi e cercando di capire come ingannare i genitori – non emergevano fino all’adolescenza a dodici o tredici anni. Voleva irrompere nella camera da letto e dire alle ragazze che erano troppo giovani per avere tali preoccupazioni. Voleva dire loro di andare a dormire! Ma razionalmente Kate sapeva che anche se fosse intervenuta per esprimere le sue preoccupazioni, le questioni sollevate nella conversazione delle ragazze non sarebbero andate via. Piuttosto, sarebbero rimasti sottoterra mentre le ragazze continuavano a cercare di capire questi problemi sotto il radar degli adulti critici.

Molte domande giravano intorno alla testa di Kate, nessuna molto confortante. In primo luogo, si chiedeva l’invidia di Cassie da parte delle ragazze e il loro desiderio di essere “sexy” e popolare con i ragazzi, come lei. Non erano forse le ragazze un po ‘giovani a pensare a se stesse e ai loro coetanei in termini di sensualità che portavano popolarità? Parlavano tra loro e Cassie come se fossero oggetti che sarebbero giudicati interamente dal loro aspetto e dal fatto che i loro vestiti fossero o meno sexy. In secondo luogo, Kate era preoccupata per l’apparentemente forte pressione dei pari nel gruppo di guardare in un certo modo e di giudicare se stessi e l’un l’altro dal loro successo in quello sforzo stretto.

Ma Kate era molto turbata dal fatto che i bambini stessero parlando di adulti, i loro genitori, come se fossero “il nemico”, avversari che impedivano loro di comprare e indossare quello di cui avevano bisogno per essere felici e di successo. Sembrava un comportamento adolescenziale per lei. Naturalmente, uno dei compiti dello sviluppo degli adolescenti è quello di separarsi dai loro genitori e diventare più indipendenti quando amici e colleghi giocano ruoli sempre più importanti. Kate lo ha capito in teoria. Ma questi bambini non erano un po ‘giovani per iniziare la loro ribellione adolescenziale? Era una rivolta adolescenziale prematura? Era questa la compressione dell’età di cui aveva sentito parlare, in cui le questioni che erano rilevanti per i bambini più grandi si stavano spostando verso i bambini più piccoli e più giovani?

Imparare a conoscere il sesso da Internet
Connie insegna educazione sanitaria ai bambini della quinta e sesta scuola nella sua scuola. Nel momento in cui i bambini raggiungono questi livelli, sono generalmente abbastanza tranquilli a discutere di argomenti personali con Connie e l’uno con l’altro. Tuttavia, incontra i ragazzi e le ragazze separatamente un paio di volte durante il corso di educazione sessuale, perché questo li aiuta ad essere più aperti a discutere di problemi scomodi legati alla sessualità. Diversi anni fa, un commento di uno dei ragazzi della sessione riservata ai ragazzi diede a Connie un motivo per preoccuparsi. Aveva parlato con i ragazzi dell’idea che il sesso avvenisse in una relazione come espressione di profondo affetto tra i partner sessuali, quando un ragazzo di nome Gabe saltò dentro e la sfidò dicendo: “Beh, penso che non ti serva piacere alla persona Ho visto il sesso su Internet. Mio cugino mi ha mostrato Lo fanno solo perché è divertente, a loro piace. “Un paio di ragazzi sembravano sorpresi, ma alcuni altri dissero che avevano visto anche loro e che Gabe aveva ragione.

Da un lato, Connie era sconvolta dal fatto che alcuni dei ragazzi avessero accesso alla pornografia su Internet. D’altra parte, considerava un segno positivo che Gabe si fosse sentito abbastanza a suo agio da sollevare il problema con lei, e che gli altri ragazzi della classe sembrassero interessati all’argomento. Chiaramente era molto nelle loro menti e volevano davvero parlarne. Ma come ha fatto questo commento di Gabe a influenzare una delle lezioni più elementari che aveva sempre cercato di insegnare ai bambini – che il sesso è una parte speciale di una relazione tra adulti che si prendono cura di loro? Anche se era un’insegnante veterana ed esperta in quest’area, Connie era stata scelta per la giusta risposta a commenti come quelli di Gabe.

Negli anni successivi, e a causa dell’ormai onnipresente accesso al contenuto inappropriato di età su Internet a cui molti bambini sono esposti, Connie ha deciso di cambiare il suo approccio alla sua prima sessione per soli ragazzi. “All’inizio chiedo loro cosa hanno visto sul sesso in TV, nei film o su Internet. La scorsa settimana, ogni ragazzo ha alzato la mano quando è venuto fuori il problema di aver visto “sesso” e pornografia su Internet. Quando ho cercato di scoprire di più su ciò che hanno visto, era chiaro che due o tre di loro non avevano visto la vera pornografia, ma penso che tutti gli altri avessero! I tempi sono cambiati molto rapidamente da quando Gabe per la prima volta ha sollevato la questione della pornografia su Internet nella mia classe e il problema aggiunge sicuramente una nuova dimensione di complessità al lavoro che faccio. “La consapevolezza di Connie che doveva portare i media e la cultura popolare nelle sue discussioni sul sesso è stata un’importante svolta. Quando ha iniziato a fare questo, ciò che Connie ha imparato su come condurre tali discussioni (descritto nel Capitolo 6) può aiutarci tutti a diventare più capaci di parlare con i bambini del sesso a cui sono esposti nei media e nella cultura popolare.

Soddisfare la sfida
Qualcuno di queste storie di genitori e insegnanti sembra familiare? Mentre leggi, che tipo di reazioni hai avuto? Potresti chiederti: “Cosa sta succedendo al mondo? Questo non si sarebbe mai verificato quando avevo la loro età. “Ti chiedi che cosa potrebbe succedere con i tuoi figli che non sai nemmeno riguardo ai problemi sessuali? Stai pensando: “In che modo tutto ciò influenzerà lo sviluppo sessuale sano dei miei figli mentre crescono? Se i bambini di cinque, sei e sette anni stanno facendo cose del genere, che cosa succederà quando sono adolescenti e adolescenti? “O forse ti senti arrabbiato, non con i bambini che stanno lottando per capire il sesso e la sessualità, ma al mondo che contribuisce in modo così negativo a queste lotte. Ti chiedi come doveva essere così? Ti preoccupi di ciò che puoi e dovresti fare?

Ognuna di queste storie ha molto a che fare con il sesso e la sessualità. Ma hanno anche implicazioni – che vanno ben oltre il sesso – per lo sviluppo, le attitudini e il comportamento generale dei bambini. Per esempio, vediamo l’inizio di una prematura ribellione adolescenziale quando le ragazze cercano di capire come ingannare i loro genitori per comprarle vestiti sexy in modo che diventino popolari tra i ragazzi. Vediamo uno scontro di culture tra genitori e media come ragazzi di dieci anni che apprendono lezioni sul sesso da Internet che minano le lezioni sul sesso nel contesto di relazioni d’amore che gli adulti premurosi stanno cercando di insegnare. Vediamo anche esempi di oggettivazione di se stessi e degli altri, poiché sia ​​le ragazze che i ragazzi apprendono che il modo in cui si guarda, piuttosto che chi si è, determina il valore che gli altri attribuiscono a te. Sfortunatamente, non è un grande passo da questo tipo di oggettivazione a una serie di conseguenze emotive non salutari come i disturbi alimentari e la depressione.

Ci sono sempre stati cambiamenti nella società da una generazione all’altra. I genitori hanno sempre notato come il mondo dei loro figli differisce dal mondo della loro infanzia. Ma ciò che sta accadendo ora riguardo al sesso e alla sessualità nei media e nella cultura popolare va ben oltre i cambiamenti che si sono verificati tra le altre generazioni nel passato. Sta succedendo una rivoluzione che dobbiamo prendere sul serio. È una rivoluzione che sta danneggiando i nostri figli e danneggia la comunità più ampia. Dobbiamo capire questo nuovo mondo per aiutare e proteggere i nostri bambini. Per fare ciò, abbiamo bisogno di avere più informazioni e più capacità di quelle necessarie ai nostri genitori. Vogliamo tutti i nostri figli crescere in grado di avere rapporti adulti sani e premurosi in cui il sesso è una parte. Questo è un compito più difficile di un tempo e dobbiamo lavorare tutti insieme per trovare modi per aiutare i nostri figli ad adattarsi a un mondo che cambia rapidamente. Non ci sono risposte facili, ma il primo passo è conoscere cosa sta succedendo oggi.

Come disse James Baldwin: “Non tutto ciò che viene affrontato può essere cambiato, ma nulla può essere cambiato finché non viene affrontato”.

Tratto da “So Sexy So Soon: La nuova infanzia sessualizzata e quali genitori possono fare per proteggere i loro figli” di Diane E. Levin, Ph.D., e Jean Kilbourne, Ed.D. Copyright © 2008 di Diane E. Levin e Jean Kilbourne. Tratto dal permesso di Ballantine Books, una divisione di Random House, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo estratto può essere riprodotta o ristampata senza autorizzazione scritta dall’editore.