Mesi dopo l’incidente quasi mortale, lo snowboarder canadese Mark McMorris vince la medaglia olimpica

Undici mesi fa, lo snowboarder canadese Mark McMorris trascorso due giorni in un coma medicalmente indotto con 17 ossa rotte, un polmone collassato e una milza rottura.

Questo risultò essere solo l’inizio di una storia di ritorno che persino McMorris ha definito un miracolo.

McMorris, 24 anni, ha concluso domenica stando sul podio a Pyeongchang, in Corea del Sud, con una medaglia di bronzo appesa al collo, e un apprezzamento ancora più grande per l’opportunità di essere lì.

“Avevo sicuramente pensato che non sarebbe stata la realtà”, ha detto McMorris a ESPN. “Ho una visione diversa della vita ora.Per atterrare di nuovo bene sul podio di nuovo, è decisamente speciale.Sì, è sicuramente un miracolo, e sono davvero grato.”

McMorris ha vinto la seconda medaglia olimpica della sua carriera finendo terzo nella gara maschile di slopestyle in una giornata gelida e ventosa. Ha preso il bronzo nello stesso evento ai Giochi invernali di Sochi nel 2014.

Solo undici mesi fa, le Olimpiadi sembravano aver preso fuoco dopo che il nativo di Saskatchewan era stato quasi ucciso in un violento incidente.

McMorris stava facendo snowboard con gli amici nel remoto backcountry British Columbia a marzo quando si è schiantato contro un albero. Ha sofferto di una mascella rotta, un polmone sinistro collassato e un braccio sinistro fratturato, tra le altre gravi ferite.

Passò i successivi mesi a riprendersi lentamente ea tornare in buona salute.

“Non darò mai per scontato un altro giorno su questa terra”, ha scritto su Instagram ad aprile.

McMorris era fedele alla sua parola. A novembre, ha vinto un evento della Coppa del Mondo della Big Air a Pechino. Un mese dopo, vinse il bronzo agli Winter X Games, stampandolo come medaglia preferita in Pyeongchang.

“Probabilmente non dovrei essere qui”, ha detto McMorris alla Associated Press. “Ho bisogno di pizzicarmi un po ‘.”

La sua straordinaria rimonta ha ispirato la sua nazione natale, incluso il primo ministro Justin Trudeau.

Domenica, McMorris è stato per un breve periodo al primo posto e alla fine è arrivato terzo dietro al connazionale Max Parrot e al diciassettenne americano Red Gerard, che ha vinto l’oro.

Potrebbe non essere stato il primo posto per McMorris, ma essere sul podio era più di quanto avrebbe potuto immaginare l’anno scorso.

“All’epoca, vorrei che non fosse successo, ma ora è così bello che così tante persone hanno contattato e detto:” Mi hai aiutato in questa parte della mia vita “o hai motivato me o qualunque cosa fosse, “ha detto a ESPN.

Ha aggiunto: “Essere in grado di ispirare gli altri è meglio di qualsiasi medaglia”.

Segui lo scrittore di TODAY.com Scott Stump su Twitter.