Rachel Dolezal 1 anno dopo: “Non ho rimpianti per come mi identifico”

Rachel Dolezal ha detto che rimane perplessa sul motivo per cui le persone hanno messo in discussione la sua identità razziale, ma è “pronta ad andare avanti” dalla polemica che l’ha resa un nome familiare la scorsa primavera.

“Non ho alcun rimpianto su come mi identifico. Sono ancora io e nulla di ciò è cambiato “, ha detto martedì l’ex presidente del capitolo NAACP a Savannah Guthrie di TODAY.

Rachel Dolezal scrive un libro sull’identità razziale, non ha rimpianti: “Sono ancora me”

Apr.12.201606:36

Dolezal, che è nato da genitori bianchi, ha creato un dibattito nazionale sull’identità razziale dopo che ha detto al mondo in un’intervista di OGGI, lo scorso giugno, “Mi identifico come nera”.

Di PIÙ: Rachel Dolezal rompe il suo silenzio su OGGI: “Mi identifico come nero”

La polemica è iniziata quando sono emerse delle domande su come avesse passato gran parte della sua vita adulta a vivere la sua vita da donna di colore. Pur prestando servizio come leader della NAACP a Spokane, Washington, ha anche rivendicato un uomo di colore come suo padre.

Tutto è cambiato lo scorso giugno quando i suoi genitori estranei, una coppia bianca contattata da un giornale locale, hanno confermato che Dolezal era la loro figlia.

A OGGI, a Dolezal è stato chiesto di riflettere su quel periodo.

“Mi piacerebbe aver potuto darmi il permesso di nominare veramente e possedere il me di me prima nella vita. Mi ci sono voluti quasi 30 anni per arrivarci “, ha detto. “Certo, mi sembra che sia un problema complesso. Come riassumi tutta una vita di tipo di entrare in quello che sei in un morso? Quelle conversazioni? Mi sento come andare avanti. Non ho alcun rimpianto a riguardo. “

Rachel Dolezal interrompe il suo silenzio: “Mi identifico come nero”

Jun.16.201510:33

Dolezal ha detto che è stata costretta a rivivere quel periodo ripetutamente e ha detto che ricostruire la sua vita è stata “impegnativa” ma è pronta a guardare avanti a nuove opportunità. Ha dato alla luce un figlio all’inizio di quest’anno, e sta anche allevando altri due bambini.

CORRELATO: Rachel Dolezal: ho pianto leggendo la storia di Caitlyn Jenner – è “risuonata”

“È stato un lavoro da ricostruire e riportare le cose in pista con la vita”, ha ammesso, descrivendo come viene riconosciuta ovunque. “Stiamo andando bene, guardando alcune nuove opportunità per il 2016.”

Tra questi c’è un nuovo libro sulle sue esperienze e identità razziale.

“La razza è una questione così controversa a causa della dolorosa storia del razzismo. La razza non ha creato razzismo, ma il razzismo ha creato la razza “, ha detto.

Dolezal ha detto che non vede l’ora di scrivere il libro e gli argomenti su cui era solita insegnare come professore universitario. Spera anche di tornare a insegnare e “non vede l’ora di tornare al lavoro di giustizia sociale e razziale”.

Segui Eun Kyung Kim su Twitter all’indirizzo @eunkim.