Shaun White torna a gareggiare dopo un terribile incidente: “Ero un po ‘terrorizzato”

Se sei Shaun White, spaccarti la faccia sul labbro di un halfpipe congelato può essere una benedizione sotto mentite spoglie.

L’icona dello snowboard si è aperta a Natalie Morales su TODAY Tuesday a proposito del crudele incidente che ha sofferto durante gli allenamenti in Nuova Zelanda e di come è stata fonte d’ispirazione per la sua quarta Olimpiade.

Natalie with Shaun White
Snowboarder Shaun White con Natalie Morales a Pyeongchang, Corea del sud. “Mi sento così vivo”, ha detto a proposito della sua quarta Olimpiade. OGGI

“Per quanto orribile sia stato ferito, mi sento così vivo perché sono riuscito a conquistare le mie paure e tornare indietro e fare il trucco e farlo alla perfezione”, ha detto oggi il 31enne martedì. “Ora sono andare a farlo di fronte al mondo alle Olimpiadi “.

White si stava allenando su un superpipe olimpico di 22 piedi in Nuova Zelanda in ottobre, quando perse il controllo durante un difficile trick – un doppio sughero 1440, che coinvolge quattro rotazioni del suo corpo – e colpì la faccia sul bordo del tubo.

Shaun White, of the United States, jumps during the men's halfpipe qualifying at Phoenix Snow Park at the 2018 Winter Olympics in Pyeongchang, South Korea, Tuesday, Feb. 13, 2018.
Il bianco è scosso da un brutto incidente per mettersi in lizza per una medaglia a Pyeongchang, 12 anni dopo il suo primo oro olimpico. AP

“Ho provato questo trucchetto di riscaldamento e mi sono distanziato da dove ero e cosa stavo facendo. Sfortunatamente mi sono sentito a 20 piedi di altezza quando è successo”.

La medaglia d’oro olimpionica di due tempi ha avuto bisogno di 62 punti per chiudere le ferite sul suo viso e nella sua bocca.

In seguito, i suoi compagni di snowboard non erano esattamente simpatici, ha scherzato.

“Sto ridendo ora … solo perché ho parlato con alcuni degli altri piloti e (loro) erano come, ‘Abbiamo dovuto cavalcare la pipa insanguinata dopo di te,’ ‘White ha detto.” Amico, hai lasciato un inferno di un casino. “

Un mese dopo, White tornò ad allenarsi. Ha ammesso di provare una certa trepidazione prima di tornare sulla sua tavola.

Stati Uniti d'America's gold medalist Shaun White celebrates after the men's Snowboard Halfpipe final run 2 on February 17, 2010 at Cypress Mountain, north of Vancouver during the Vancouver Winter Olympics.
Bianco nei suoi giorni “Flying Tomato” a Vancouver. I suoi capelli rossi sono più corti in questi giorni, ma le sue capacità di snowboard restano di classe mondiale.

Getty Images

“Onestamente ero un po ‘terrorizzato”, ha detto. “È proprio come questo lampo visivo nella mia testa di quello che è successo. So che posso fare il trucco, ma sapevo di poter fare il trucco quando sono caduto. “

L’infortunio e un deludente quarto posto a Sochi nel 2014 hanno motivato la White a tornare sul podio a Pyeongchang.

Si è qualificato per l’halfpipe finale di mercoledì con una corsa eccezionale il martedì, mettendolo in lizza per una medaglia 12 anni dopo aver guadagnato il suo primo oro olimpico a Torino.

Snowboarder Shaun White fissa la slot olimpica con un punteggio halfpipe perfetto

Jan.15.201802:31

Il bianco è a lungo rimosso dai suoi giorni di Torino, quando i suoi lunghi capelli rossi e la sua personalità a ruota libera gli hanno valso il soprannome di “Il pomodoro volante”.

“Occasionalmente, vedrò qualcuno su Instagram o qualcosa del genere e io sono tipo, ‘Ha i capelli buoni, ho avuto capelli buoni una volta tanto,’ ‘ha detto con una risata.

Segui lo scrittore di TODAY.com Scott Stump su Twitter.