Adottare il bambino di uno sconosciuto salvò la vita di questo sopravvissuto al cancro al seno

Le famiglie si presentano in molte forme. E nel caso di Heather Salazar e di suo marito Steve, il loro è stato creato in uno dei modi più inaspettati, e inaspettatamente salva-vita, possibili.

Incontra la donna che ha adottato il bambino di un estraneo con cancro al seno

Oct.04.201707:52

Nel giugno 2002, la madre di tre fratelli con sede in Ohio Heather Salazar ha ottenuto la custodia di un bambino di nome Lexi, la cui madre era, a 23 anni, in lotta contro il cancro al seno in stadio IV. Era estranea a Salazar e suo marito Steve, eppure la incontrarono e acconsentirono ad adottare la sua bambina, che si unì ai tre bambini biologici dei Salazar. La mamma di Lexi non aveva alcun sistema di supporto intorno a lei e prese i mezzi pubblici per andare alle sue cure. Salazar ha optato per aiutare.

“Pensavo di aver capito tutta la mia vita, avevo 28 anni, felicemente sposato, tre fantastici bambini e poi ho incontrato una giovane donna straordinaria che ha cambiato la mia vita e la vita della mia famiglia per sempre”, dice..

Dice Steve Salazar della mamma di Lexi, Alexis: “La sua preoccupazione principale era la sua bambina e prendersi cura di lei, e voleva assicurarsi che qualcuno l’amasse il più possibile”.

Fin qui, davvero fantastico. Ma poco dopo la morte della mamma di Lexi per il cancro al seno, Heather Salazar sentì un nodo al seno durante un autoesame e ricevette la notizia: anche lei aveva un cancro al seno.

“Ero semplicemente sbalordito, ero così arrabbiato”, dice Heather Salazar. “È venuto fuori che ho avuto lo stesso identico tumore al seno aggressivo che aveva Alexis, sono stato molto fortunato che sia stato il primo stadio e ho risposto bene al trattamento”.

Il dottore mostra come eseguire un auto-esame del seno dal vivo su Megyn Kelly OGGI

Oct.04.201704:53

Era una dei più fortunati, il cui cancro ha risposto al trattamento. Ora è libera dal cancro ed è l’amministratore delegato delle Pink Ribbon Girls senza scopo di lucro. E attribuisce a Lexi il merito di averle salvato la vita: senza sapere che una persona così giovane come la mamma di Lexi potrebbe morire di cancro al seno, non si sarebbe controllata il seno e avrebbe scoperto quel grumo.

“Io dico sempre che la mamma di Lexi era il mio angelo, perché se non fosse stato per lei, non avrei mai fatto un esame di auto-seno, voglio dire, credo davvero che mi abbia salvato la vita”, dice Salazar.