Diagnosticato con BPCO, Leonard Nimoy ha esortato le persone a smettere di fumare

Leonard Nimoy è diventato famoso per un personaggio che era fuori dal mondo, ma ha ceduto a una malattia fin troppo comune nella vita reale. Il rispettato e venerato attore di “Star Trek” ha trascorso l’ultimo anno esortando le persone a imparare dai propri errori e a smettere di fumare.

Nimoy è morto venerdì di malattia polmonare ostruttiva cronica allo stadio terminale, che aveva rivelato un anno fa. Aveva 83 anni.

Leonard Nimoy arrives at a film premiere in Hollywood in May 2013. The
Leonard Nimoy arriva alla premiere di un film a Hollywood nel maggio 2013. L’attore di “Star Trek” è morto venerdì.FRED PROUSER / Reuters

BPCO – un termine generico per un certo numero di malattie polmonari, che include l’enfisema – è la terza causa di morte negli Stati Uniti, secondo l’American Lung Association. Oltre l’80% dei casi è causato dal fumo.

Nimoy è diventato pubblico con la sua diagnosi un anno fa in una serie di tweet che hanno rivelato la sua lotta con le sigarette.

Non è raro che una persona sviluppi la BPCO anni o decenni dopo aver smesso di fumare, ha detto il dott. Norman H. Edelman, consulente senior per l’American Lung Association.

“Una delle cose devastanti della BPCO è che una volta messo in moto il processo, esso continua anche quando le persone smettono di fumare. È estremamente frustrante non solo per i medici polmonari, ma per i pazienti “, ha detto Edelman a OGGI.

“Sembra che il corpo voglia solo continuare quell’infiammazione di basso grado, quel restringimento delle vie aeree anche quando l’irritante primario è sparito. Hai appena creato un ciclo distruttivo. “

Tuttavia, è stato rapido nel sollecitare le persone a smettere di fumare il più presto possibile, osservando che Nimoy ha vissuto per più di 30 anni dopo aver lasciato. Se avesse continuato a fumare, il danno al suo corpo sarebbe progredito molto più rapidamente, ha detto Edelman.

La ricerca mostra che anche i pazienti anziani con BPCO che mettono via sigarette miglioreranno la qualità della loro vita e potrebbero anche vivere più a lungo, ha aggiunto.

Fino a 24 milioni di americani possono avere BPCO, secondo l’American Lung Association, anche se la consapevolezza della malattia non è alta come il cancro al polmone legato al fumo o insufficienza cardiaca. I sintomi includono una tosse cronica e mancanza di respiro durante le attività di routine. Edelman ha visto i pazienti perdere il respiro solo cercando di pettinarsi i capelli.

Non esiste una cura, anche se i farmaci possono dilatare le vie aeree per aiutare i pazienti a respirare meglio, ha detto Edelman. Alcune persone ricevono l’ossigenoterapia, mentre altre subiscono un intervento chirurgico. In casi molto selettivi, le persone con BPCO avanzata hanno ricevuto trapianti di polmone, ha detto Edelman.

Ha fatto eco agli appelli di Nimoy ai fumatori per mettere via le sigarette.

“Prima di tutto, smetti di fumare”, disse Edelman. “È molto difficile smettere da solo e molte persone devono provare a smettere più volte … (ma) non c’è dubbio che smettere di fumare sia utile in qualsiasi fase della malattia.”

L’American Lung Association offre suggerimenti e consigli per aiutare i fumatori a smettere.

Celebrando Leonard Nimoy: 5 lezioni che Spock ci ha insegnato

Segui A. Pawlowski su Google+ e Twitter.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 27 febbraio 2015 alle 16:43 ET.