Dopo che i medici hanno rimosso il tumore di 8 libbre dalla sua faccia, muore un adolescente con una condizione rara

Poco più di una settimana dopo che un tumore di 8 chili è stato rimosso dalla sua faccia durante un intervento di 12 ore, Emanuel Zayas, 14 anni, è morto.

“Le nostre condoglianze e le nostre preghiere per la famiglia di Emanuel e la perdita di un giovane molto coraggioso”, ha detto il dottor Robert Marx, capo della chirurgia orale e maxillofacciale presso l’Università di Miami Health System, alla NBC6 South Florida. “Un altro angelo è arrivato in paradiso.”

In a 12-hour surgery, doctors removed a 10 pound tumor from 14-year-old Emanuel Zayas face.
In un intervento di 12 ore, i medici hanno rimosso un tumore di 8 chili dal viso di 14 anni Emanuel Zayas. Meno di una settimana dopo, morì dopo aver avuto problemi ai reni e ai polmoni.Cortesia Università di Miami / Jackson Memorial Hospital

Tre anni fa, Zayas sviluppò quello che i suoi genitori pensavano fosse un brufolo. Ma invece di andare via, ha continuato a crescere in un enorme tumore sul suo volto che ha influenzato la sua capacità di respirare e mangiare.

I missionari medici hanno trovato Zayas, che viene da Villa Clara, a Cuba, e ha condiviso le sue radiografie in una conferenza a cui Marx stava partecipando. Aveva esperienza nella rimozione di una tale crescita facciale così grande e credeva di poter aiutare anche Emanuel.

“Le nostre speranze di salvare la sua vita e nel farlo gli permetterebbero una migliore qualità della vita non sono state realizzate”, ha detto Marx alla NBC.

Emanuel presentava displasia fibrosa polio- totica, una rara patologia in cui il tessuto cicatriziale si forma al posto delle ossa. Le persone con questa condizione possono anche sviluppare cisti. I medici a Cuba si sentirono a disagio nel trattare Emanuel e il suo tumore divenne incontrollato. Dopo che Marx ha saputo di Emanuel, lui e il suo team hanno organizzato un visto medico per consentirgli di sottoporsi a un intervento chirurgico negli Stati Uniti nel mese di gennaio. Marx era ottimista subito dopo l’operazione estenuante, nonostante le sue difficoltà.

“Questo è stato probabilmente l’intervento tecnicamente più difficile che abbia mai fatto”, ha detto Marx a TODAY. “Il tumore era estremamente vascolare e controllavamo i bleeders ogni minuto.”

Emanuel Zaya
A causa del tumore di 8 libbre, l’adolescente ha avuto difficoltà a vedere e respirare.Cortesia Università di Miami / Jackson Memorial Hospital

Il 18 gennaio, Marx visitò Emanuel e si sentì bene riguardo a ciò che osservò. Emanuel aveva riflessi pupillari e tono muscolare in faccia. Solo due giorni dopo, la salute di Emanuel ha avuto una svolta drammatica, e ha sofferto di insufficienza renale e polmonare.

“Sono rattristato dal fatto che lo stiamo perdendo e che apparentemente lo stress fisiologico dell’intervento è stato troppo per la sua anatomia compromessa da superare”, ha detto Marx dopo aver visitato Emanuel il sabato.

La famiglia progetta di donare il corpo di Emanuel nella speranza che i ricercatori possano saperne di più sulla displasia fibrosa polio-.