Incontra l’artista del tatuaggio che fa sopravvivere ai malati di cancro al seno “di nuovo”

Questa storia contiene immagini di sopravvissuti al cancro al seno dopo chirurgia ricostruttiva e potrebbe non essere adatta a tutti i tipi di pubblico.

Un anno dopo la sua mastectomia e sette mesi dopo il suo ultimo intervento chirurgico per infilare protesi al silicone nei suoi seni ricostruiti, Jennifer Bohling si spalma i pantaloni e si alza. Si toglie il drappo di carta che copre il suo torso nudo e si volta per affrontare l’uomo che ha incontrato pochi minuti prima.

Tatuaggi per sopravvissuti al cancro al seno: alla ricerca di Vinnie Myers, sentirsi integri

Oct.16.201503:46

“Come stanno?” Chiese lei.

Vinnie Myers fissa attentamente ciascuno dei seni di Bohling. Pizzica delicatamente la pelle in alcuni punti e tocca altre aree con un dito guantato prima di dare la sua valutazione iniziale.

“Stanno bene. Sembrano davvero belli, “disse, definendo la forma dei suoi nuovi seni” fantastici. “Ma non così bene, la informa, sono le cicatrici che corrono orizzontalmente attraverso ciascuna di esse.

“L’incisione è esattamente dove devo lavorare, il che non va bene. Lo renderà più complicato “, ha detto.

Capezzolo tattoo artist Vinnie Myers works on client
Con una parte finita, Vinnie Myers lavora a un secondo tatuaggio a capezzolo per la sopravvissuta al cancro al seno Jennifer Bohling.Carissa Ray / OGGI

Come i migliori specialisti medici con cui lavora spesso, Myers è molto richiesto, ma non come medico.

Un tempo noto a livello internazionale per il suo talento artistico, Myers è ora una leggenda nei circoli del cancro al seno per quella che è diventata la sua esclusiva specialità: areole e capezzoli d’inchiostro così realistici da sembrare veri e propri articoli.

“Voglio che si sentano bene”

Circa 231.800 donne saranno diagnosticate quest’anno con cancro al seno. Una parte di loro finirà per avere mastectomia. Durante la maggior parte delle mastectomie, i medici rimuovono il tessuto malato all’interno del seno, spesso portando capezzoli e areole nel processo. Le donne che subiscono la ricostruzione del seno spesso ottengono una colorazione permanente applicata a dove sarebbero i capezzoli, ma si sono lamentati a lungo che i risultati piatti e non colorati sono irrealistici.

Myers, 53 anni, ha detto che i chirurghi hanno a lungo trascurato il significato di questo ultimo passo per le donne, molte delle quali vedono il loro seno ricostruito come un promemoria del dolore e della malattia.

“Quando guardi quei seni, tutto ciò che vedi sono le cicatrici, e tutto ciò che ti viene in mente è il cancro”, ha detto Myers. “Quindi quando metti questo tocco finale lì, distrae l’occhio da tutte quelle altre imperfezioni perché hai qualcosa da guardare che è molto piacevole, ed è un tocco finale incredibilmente emozionante.”

Come Bohling, la maggior parte delle donne che sono state sottoposte a mastectomia vengono a Myers sperando che il loro incontro sia l’ultima tappa di un lungo, arduo viaggio contro il cancro al seno.

Vinnie Myers sketches a rough circle on a reconstructed breast before tattooing.
Myers usa uno Sharpie rosa per mostrare a un cliente dove ha intenzione di tatuarsi il capezzolo.Samantha Okazaki / OGGI

Le donne arrivano scoprendo il loro seno, insieme a un pezzo della loro anima, e Myers, un ex medico dell’esercito con un modo rilassato, saggio e decifrabile, ha sia lo skillet che le storie per metterli a loro agio mentre fa un inchiostro indelebile nel loro pelle.

Combinando le tecniche di shadowing e highlight, nelle giuste variazioni di colore, Myers crea l’illusione di sporgenze dalle superfici piane.

“La mia missione è far apparire le donne allo specchio, nudi. Voglio che si sentano bene quando guardano a se stessi “, ha detto. “Così tingo il capezzolo e l’areola per assomigliare ad un vero capezzolo e areola, non come un disco marrone rosato”.

Una svolta – e un “segno”

Myers iniziò a tatuare i capezzoli tridimensionali nel 2001, dopo aver incontrato una donna che lavorava per un chirurgo plastico di Baltimora, infelice con i risultati dei suoi sforzi per inchiodare. Ha iniziato a lavorare con il dottore fuori dalla pratica del chirurgo. Presto, altri medici hanno cercato di convincerlo a lavorare anche sui loro pazienti. Alla fine, ha iniziato a fare in modo che i dottori inviassero semplicemente dei pazienti .

Vinnie Myers tattoos a nipple on breast cancer survivor Robin Denny
Robin Denny, che ha avuto una mastectomia nell’aprile 2014, fa una smorfia mentre Myers tatuaggi un capezzolo sul suo seno ricostruito. “Le donne hanno bisogno di sapere che c’è un’opzione migliore di quella di avere un medico che ti tatua”, dice su Myers e sul suo lavoro. Samantha Okazaki / OGGI

La vera svolta arrivò nel 2004 quando Lillie Shockney prese il volo dal talento di Myers.

Il direttore amministrativo del Johns Hopkins Breast Center e due volte sopravvissuto al cancro al seno, Shockney ha pagato a Myers una visita dopo aver visto il suo lavoro su uno dei suoi clienti.

“Sembravano la cosa vera”, ricorda. Shockney ha lasciato il suo incontro di un’ora con Myers così impressionato dall’uomo e dal suo lavoro che ha prenotato un appuntamento per farsi fare i capezzoli.

È tornata due settimane dopo con suo marito. Mentre Myers andava a lavorare sul suo petto, Shockney distolse gli occhi fino a quando la grande rivelazione, un momento che la fa eccitare emotivamente più di 10 anni dopo.

“Quando ha finito, ha girato la mia sedia in modo da poter affrontare lo specchio, e sono scoppiata in lacrime”, dice Shockney, 62, la sua voce improvvisamente si riempie di emozione. “Ho detto, ‘Oh mio Dio, questi sembrano veri’, e mio marito ha detto:” Lo fanno sicuramente. Non li vedo da quasi 20 anni. ‘”

Incontra la squadra di tatuatori Vinnie Myers: la missione e la motivazione

Oct.16.201505:37

Shockney quindi ha fatto un punto per assicurarsi che altre donne potrebbero avere la stessa opzione. Con la sua influenza, la sua portata e le sue raccomandazioni tra i pazienti e i sopravvissuti di John Hopkins, le parole si sparsero rapidamente su Myers. Il suo programma si riempì di appuntamenti sul tatuaggio del capezzolo.

“E ‘stato super impegnato, più impegnato di quanto volessi davvero fosse”, ha ricordato. Poi, circa cinque anni fa, sentì di aver raggiunto un punto critico.

“Fu allora che decisi che non lo avrei più fatto. E il giorno in cui ho deciso di fermarmi è il giorno in cui mia sorella mi ha chiamato e mi ha detto che aveva il cancro al seno “, ha detto.

“Era di lunedì. Ho deciso, ‘Questo è un segno che devo continuare a fare questo. “

Myers ha preso la decisione di dedicare interamente la sua carriera al tatuaggio del capezzolo e delle areole.

“E da quel momento, è andato semplicemente completamente balistico.”

Camminare una “linea sottile” con i suoi visitatori

Myers non porta tatuaggi visibili. Ogni mattina arriva a lavorare in camicia e cravatta, scarpe con le punte delle ali, e quella che è diventata la sua firma, un cappello da torta di maiale. Ha circa 150 di loro, e i cappelli a vita bassa, a tesa corta, aiutano a coprire il suo viso lungo e il telaio da 6 piedi per 4.

Teschi umani e animali e maschere per il viso dall’Asia, dall’Africa e dal Pacifico meridionale decorano gli scaffali e il muro dell’ufficio, insieme a poster e foto di famiglia legati al cancro al seno. Una cornice fotografica piena di cimeli autografati per concerti dei Grateful Dead, con cui era solito viaggiare come tatuatore della band, appeso alla porta.

“Volevamo che assomigliasse più allo studio di un antropologo che a un tatuaggio”, ha detto. “Non volevo che fosse troppo morbido, ma abbiamo tolto l’arredamento più tagliente e duro che avevamo. Volevamo solo ammorbidire un po ‘le cose per renderlo più facile alle donne, perché possono essere molto preoccupate venire qui. “

Capezzolo tattoo artist Vinnie Myers examines a breast cancer survivor
Prima di iniziare a tatuare, Myers usa un capezzolo per mostrare a Lynette Sardinas dove lavorerà. Carissa Ray / OGGI

Per la maggior parte di quelle donne, la loro visita a Myers sarà anche la loro prima all’interno di un negozio di tatuaggi.

Little Vinnie’s Tattoo si trova alla fine di un modesto centro commerciale vicino a un negozio di alcolici e veterinari a Finksburg, nel Maryland, a circa 40 minuti di auto da Baltimora. Donne provenienti da tutti i 50 stati e circa 40 paesi – tra cui Brasile, Kuwait, Giappone e Nuova Zelanda – hanno viaggiato per ottenere tatuaggi da Myers. Molti hanno sentito parlare di lui da amici con cancro al seno e, sempre di più, da chirurghi plastici che hanno visto il suo lavoro.

“Il modo in cui parlo con i pazienti è che non vorresti che un tatuatore eseguisse il tuo intervento e probabilmente non vorresti che un chirurgo ti facesse tatuare”, ha detto il chirurgo plastico Frank DellaCroce, co-fondatore del Centro per la chirurgia protesica del seno, l’ospedale di New Orleans dove Myers trascorre una settimana al mese.

A sua volta, dopo aver passato gli ultimi 14 anni a lavorare sui seni ricostruiti, Myers ha visto una vasta gamma di lavori dai chirurghi – dai migliori ai meno talentuosi.

Ha visto scarse incisioni con cicatrici frastagliate, capezzoli ricostruiti in modo strano e, in poche parole, migliaia di seni deformi. A volte il lavoro inferiore che vede non solo rende il suo lavoro difficile – come trovare il posto giusto per mettere il tatuaggio su un seno più volte più piccolo o più grande del suo compagno – lo fa arrabbiare.

“Devo camminare su quella linea sottile, perché se dici una cosa sbagliata, puoi davvero schiacciare i sentimenti di qualcuno”, ha detto. A volte, una donna non si rende conto del lavoro scarso che è stato fatto. Oppure, è profondamente consapevole e sensibile al riguardo.

Ma tacere potrebbe anche significare non riuscire a illuminare un cliente sulle possibili correzioni chirurgiche che potrebbe ottenere, secondo Myers.

Si è rifiutato di tatuare circa cinque o sei donne tra gli oltre 8.000 sopravvissuti al cancro che sono venuti dalla sua porta, anche se a volte può convincere le donne a posticipare i loro tatuaggi fino a quando non tornano dai loro chirurghi per ulteriore lavoro.

“Le donne che lo hanno fatto, il 100% di loro sono stati entusiasti del risultato finale perché in realtà avevano questa preoccupazione nella parte posteriore della propria testa”, ha detto.

“Quello che sto facendo è definitivo. È permanente. È lì per sempre. Quindi se metto il tatuaggio e poi hanno le revisioni, tutte le scommesse sono spente “, ha detto. “Ma una volta che quella donna viene qui e viene dalla California o dall’Alaska, pensando che sarà completa oggi, non vuole tornare a casa e parlare delle revisioni. Lei vuole ottenere i tatuaggi e avere finito, oggi. “

“Per i capezzoli!”

Nel momento in cui la maggior parte delle donne raggiunge Myers, hanno terminato dozzine di visite a oncologi, chirurghi, tecnici di chemio e radiologi. Hanno anche attraversato un ottovolante emotivo di occuparsi di nuovi seni che non si sentono come i loro predecessori, tanto meno sembrano come loro. Quando arrivano a Myers, sono pronti a tornare alle loro vecchie vite, a una “nuova normalità”.

Quando Mina Greenfield è arrivata per il suo appuntamento il mese scorso, erano passati più di due anni e mezzo dalla sua mastectomia bilaterale. Aveva subito trattamenti di chemioterapia e radioterapia, nonché un lungo e doloroso processo di ricostruzione del seno.

Capezzolo tattoo artist Vinnie Myers works on a client
Myers condivide una storia con Mina Greenfield e il suo fidanzato, Keith Stegall.Carissa Ray / OGGI

Greenfield arrivò da Little Vinnie con il suo fidanzato e la madre al seguito. Alla fine del suo appuntamento, il suo ragazzo ha sorpreso il gruppo tirando fuori una bottiglia di champagne. Persino sua madre, che non beve, beve un sorso. “Per i capezzoli!” Ragionò all’epoca.

La celebrazione è durata due anni e mezzo, ha dichiarato Greenfield, patologa della lingua parlata di Kensington, nel Maryland.

“Dopo essere tornato a casa, sono praticamente svenuto. Ero completamente esausto, solo esausto, “dice. “Non è stato per la procedura. Era dal build-up. Questo è stato un processo molto più lungo di quanto mi aspettassi. “

Comparativamente, c’erano solo nove mesi tra il momento in cui Karen Scotchlas di Morrisville, nella Carolina del Nord, ottenne la sua mastectomia e i suoi capezzoli tatuati. Ma sentì che la sua sicurezza stava scomparendo ogni giorno fino al suo appuntamento con Myers.

“La diagnosi del cancro non mi ha terrorizzato. Ero più preoccupato per la mia vita in seguito – dopo le mastectomie, come avrei potuto guardare? “, Ha detto la madre single di tre persone, che temeva che la sua mancanza di aspetto” normale “avrebbe influito sulla sua capacità di trovare l’intimità con un futuro partner. Dopo la sua mastectomia, Scotchlas afferma di aver avuto difficoltà a stabilire un contatto visivo con gli uomini.

“Avevo tutta la fiducia che avremmo per eliminare il cancro, ma sono single e non ho nessuno nella mia vita, quindi per me era davvero importante sapere che sarei tornato di nuovo integro”.

La maggior parte delle donne che cercano Myers arrivano sentendosi nervose, ma completamente disposte a mettere la loro fede e il loro corpo nelle sue abili mani. Quella fiducia è il motivo per cui Bohling ha chiesto a Myers del suo lavoro di ricostruzione, quello che ha descritto come “fantastico”, nonostante abbia dovuto aggirare la posizione delle sue cicatrici.

“Sono nuovi per me e ne vede abbastanza, quindi volevo la sua opinione. È più esperto di quanto non lo sarebbe “, ha detto.

Capezzolo tattoo artist Vinnie Myers works on a client at his Finksburg, MD
Barry Denny strofina i piedi di sua moglie, Robin, mentre riceve un tatuaggio da capezzolo da Myers.Carissa Ray / OGGI

Bohling e suo marito andarono a vedere Myers da Hoboken, nel New Jersey, su raccomandazione di due persone: sua sorella, che aveva fatto i capezzoli con Myers, e il suo oncologo, che insisteva nel vederlo.

Del lavoro risultante, Bohling ha detto: “Sono molto felice, soprattutto, sembra, dal momento che i miei erano un po ‘più complicati. E valeva la pena di aspettarlo per lui, piuttosto che farlo con qualcun altro. Lo farai solo una volta “.

“È un perfezionista”

Shockney, il direttore amministrativo del Johns Hopkins Breast Center, ha dichiarato che Myers ha la personalità perfetta per la sua attuale linea di lavoro, ma senza dubbio ha preso un pedaggio emotivo.

“È diventato un’anima vecchia ascoltando le storie delle donne”, ha detto.

In media, Myers vede circa sei o sette donne al giorno. Il costo medio di circa $ 600, ma varia da $ 400- $ 800, a seconda di ciò che viene fatto. Per legge, l’assicurazione dovrebbe coprire la procedura, ha detto, perché la legge sulla salute delle donne e il cancro al seno del 1990 richiede la copertura di tutti gli aspetti della ricostruzione del seno.

Myers inizia ogni appuntamento con una serie formale di domande sulla storia medica e l’elenco delle procedure. Poi indossa un paio di guanti e dà un’occhiata più da vicino alla sua tela dal vivo, valutandone il tono e la densità prima di prendere uno Sharpie rosa e disegnare due cerchi simili a un toro sul seno. Poi si lascia cadere un capezzolo protesico in modo che la donna possa immaginare meglio il suo posizionamento.

Quindi Myers inizia a spremere circa cinque o sei tubi di inchiostro in una linea di vasi individuali che assomigliano ai piccoli contenitori per dentifricio utilizzati dagli igienisti dentali durante i lavori di pulizia dei denti. Inizia a mescolare i colori fino a quando non ha trovato la combinazione perfetta che andrà a completare il tono della pelle della donna.

“È un perfezionista. Non sarà felice finché non appariranno perfetti “, ha detto Shockney.

Lei dovrebbe saperlo. Prima di andare a Myers, Shockney ha ricevuto quello che lei chiama “tatuaggi organici” sul suo seno ricostruito da un infermiere professionista.

“Era un colore solido e sembrava un piccolo pancake per bambini”, dice. I tatuaggi si erano sbiaditi considerevolmente quando Myers li ha rifatti.

Adrienne Peres ha avuto un’esperienza simile quando è andata da Little Vinnie’s, dove si è tatuata i capezzoli di Trent Wyczawski, uno degli altri due tatuatori selezionati da Myers per lavorare con lui sui capezzoli.

Originariamente Peres aveva tatuato i capezzoli nel 2009 all’ospedale dove si era sottoposta alla chirurgia ricostruttiva.

“Fu allora che ti davano le patatine di vernice, come se volessi scegliere un colore per la tua cucina. “Ok, di che colore vorresti che fossero?”, Disse, incredula ancora per la domanda. “Ho appena indicato uno. Ero sul posto, non ero molto sicuro, e ho scelto un colore che probabilmente era troppo leggero per il mio tono della pelle. “

Capezzolo tattoo client awaits her appointment with Trent Wyczawski
Adrienne Peres attende il suo appuntamento con l’artista del tatuaggio capezzolo Trent Wyczawski.
Carissa Ray / OGGI

Dopo che Peres è tornata per far rifare i capezzoli, dice che non c’era “nessun confronto” tra i due lavori.

“È come paragonare una Porsche a una Yugo. È davvero molto diverso. Mi sento totalmente diverso. E sembra molto meglio “, dice. “È davvero incredibile. Sembra completo. Psicologicamente, sembra che tutto sia completo. “

Scotchlas, la madre single della Carolina del Nord, scherza dicendo che non poteva smettere di dire ai suoi amici dei suoi tatuaggi dopo averli fatti.

“Sono favolosi. Non posso smettere di guardarmi allo specchio. È ridicolo “, ha detto. “Ma è una sensazione così incredibile guardarsi allo specchio e ti senti come se fossi tutta e sei di nuovo una donna. Mi ha restituito completamente la mia fiducia. “

DellaCroce dice che prima della collaborazione del suo centro con Myers, i chirurghi hanno scoperto che i tatuaggi applicati dal loro personale si sono sbiaditi rapidamente o in una strana sfumatura.

“Finiremo per essere gli scultori in studio, ed è un pittore. E quando unisci queste due cose insieme, produce un risultato che è meglio la somma delle sue parti “, ha detto. “Ed è quello che vogliamo offrire alle donne come risultato a lungo termine, in modo che non si sentano più feriti”.

In realtà, Myers è un pittore e la sua opera d’arte – in particolare le pitture a base di pesce e l’arte del tatuaggio flash – può essere vista in tutto il suo. Ma il padre di quattro figli, tra cui una figlia di 21 anni che alla fine progetta di seguire le orme del padre, raramente ha tempo per dipingere.

Myers è molto richiesto, con una lista d’attesa. È per questo che diversi anni fa ha scelto due artisti per le loro abilità e modi da capezzale per condividere la sua specialità.

“Per quanto riguarda la soddisfazione artistica, non c’è davvero”, ha detto sul suo percorso di carriera. “La sfida arriva assicurandosi che stai facendo un lavoro sicuro, un buon lavoro su tessuti compromessi. Ovviamente, la reazione che ricevi dalle donne è dove arriva la soddisfazione. “

Myers e il suo team ricevono un flusso costante di biglietti di ringraziamento che inevitabilmente esprimono gratitudine per la stessa cosa: cambiare il modo in cui le donne si sentono rispetto a se stesse.

“Quindi non si tratta solo della soddisfazione artistica. Hai ottenuto la ricompensa dal solo vedere i volti di queste donne, o forse le lacrime che ti fanno sapere che hai fatto qualcosa di molto speciale per loro “, ha detto Myers. “Quindi perdi una cosa, ma guadagni qualcos’altro e questo è uno dei premi che ottengo, solo sapendo che hai fatto qualcosa per far sì che questa persona si senta meglio con se stessa. E questa è una cosa incredibile. “

NOTA DELL’EDITORE: Il Society for Features Journalism onorato questa sua caratteristica Concorso premio Excellence-in-Features 2016. Ha posizionato al terzo posto Categoria Video Storytelling per le grandi pubblicazioni con una tiratura di 200.000 e oltre.

NOTA DELL’EDITORE, AGGIUNTO 8, 2017: Questo articolo è stato modificato per rimuovere un riferimento a uno dei client di Myer che ha chiesto di rimanere senza nome.

Segui lo scrittore di TODAY.com Eun Kyung Kim su Twitter.