Seriamente, smetti di inseguire il tuo ex su Facebook

Se continui su Facebook, insegui la tua ex come una strana stramberia, non la supererai mai, un nuovo studio mostra.

Donna on the computer

Oh, lo sai che lo fai. Ma poi, lo stesso vale per il resto di noi – in effetti, uno studio molto pubblicizzato all’inizio di questa estate ha rilevato che quasi il 90 percento di noi tiene d’occhio i nostri ex su Facebook. Ora, i ricercatori della Brunel University di Londra hanno confermato quello che già, da qualche parte in profondità, sospettiamo di essere vero: spiare la pagina del profilo del tuo ex partner non farà altro che prolungare il tuo dolore.

“Nel complesso, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a un ex-partner attraverso Facebook può ostacolare il processo di guarigione e passare da una relazione passata”, gli autori dello studio scrivono in un rapporto appena pubblicato sulla rivista Cyberpsychology, Behaviour, and Social Networking.

Le 5 coppie di combattimenti più importanti hanno a che fare con il denaro – e come porvi fine

Jul.19.201603:32

I ricercatori hanno raccolto 484 volontari – l’84% dei quali erano donne, tutti utenti di Facebook – e hanno chiesto loro di ricordare una brutta rottura con qualcuno che aveva anche una pagina Facebook.

I partecipanti sono stati istruiti a valutare quanto fossero sconvolti immediatamente dopo la separazione, e sono state poste due domande a proposito del loro livello di creepiness su Facebook: “Quanto spesso guardi la pagina Facebook del tuo ex-partner?” e “Quanto spesso guardi la lista degli amici di Facebook del tuo ex-partner?” Hanno anche chiesto cose come quanto fossero ancora tristi quando pensavano alla rottura, se ancora desideravano il loro ex sessualmente e quanta variazione di vita avessero provato dalla rottura.

CORRELATI: Ciò che gli uomini trovano sexy: semplici modi per farlo notare

Non sorprende che le persone che hanno ammesso di aver inseguito i loro ex su Facebook hanno provato più dolore durante la separazione – e, nel reperto più irritante del giornale, erano più propensi a voler tornare a letto con lui o lei.

Inoltre, “la sorveglianza di Facebook”, come lo definiscono gli autori dello studio, è stata correlata con “una crescita personale inferiore” – in altre parole, non stai andando avanti, o ti preoccupi di creare una vita diversa per il tuo nuovo io. Ecco una grande citazione dallo studio: in qualche modo, vedere lo stalking di Facebook descritto in ambito accademico lo rende ancora più triste:

(P) chiunque può utilizzare Facebook per tenere sotto controllo le attività correnti di un ex partner verificando gli aggiornamenti di stato, i messaggi a muro, i commenti e le foto; anche se uno non è più amico di Facebook con un ex partner, le informazioni pubblicamente disponibili, come una foto del profilo e un elenco di amici, possono ancora fornire una approssimativa approssimazione delle attività in corso del partner ex..

CORRELATO: Il motivo per cui gli uomini sposano alcune donne e non altre

Tuttavia, eliminare immediatamente il tuo ex partner dai tuoi amici di Facebook non è necessariamente la risposta. In uno studio contro-intuitivo nello studio britannico, le persone sembravano riprendersi più rapidamente dal pungiglione della rottura quando rimasero amici di Facebook con i loro ex-partner.

L’80 percento dei millennial è stato “ghosted” mentre si frequentava

Mar.29.201601:06

Una teoria che i ricercatori pongono: se rimani amici di Facebook, è probabile che la rottura sia stata amichevole in primo luogo. Ma ecco un’altra loro teoria più divertente: stare con gli amici di Facebook con un ex, e vedere il monotono della sua vita presentato in foto di Instagram o aggiornamenti di stato noiosi (“Grazie per tutti gli auguri di compleanno !!!” “Prima zucca spice latte della stagione !! “) potrebbe effettivamente uccidere ogni desiderio persistente che potresti aver nutrito per quella persona.

CORRELATO: 17 cose che non sapevi mai di chiudere le labbra

D’altra parte, gli ex partner che non vediamo o non parliamo più “possono rimanere avvolti in una mistica seducente, suggerendo che i restanti amici di Facebook con un ex partner potrebbero effettivamente aiutare piuttosto che danneggiare il recupero post-scasso”, dice il rapporto, che era guidato da psicologo sociale Brunel Tara C. Marshall.

Tuttavia, restare amici di Facebook non è una soluzione perfetta: le persone che rimasero amici sul sito di social networking hanno avuto meno probabilità di sperimentare nuovi cambiamenti nella vita, o “crescita personale”, dopo la rottura, suggerendo che non si stanno muovendo.

Insomma, lo stesso vecchio consiglio è ancora qui in gioco per rammendare un cuore spezzato: tagliare il contatto il più possibile e dargli il tempo. Come afferma il documento Brunel, “evitare di esporre a un ex-partner, sia offline che online, potrebbe essere il miglior rimedio per guarire un cuore spezzato”.

Questa storia è stata originariamente pubblicata nel 2012. Per saperne di più su Melissa Dahl, seguitela su Twitter.