Taglia 4 modello: sono stato licenziato per essere troppo grasso

Se chiedeste a persone a caso di descrivere Filippa Hamilton in una parola, sentirete molti sinonimi per “stupendo”. Quello che non sentireste è “grasso”.

Eppure il modello da 120 cm (5 piedi e 10 pollici) dice che è essenzialmente il motivo per cui è stata licenziata da Ralph Lauren dopo otto anni con lo stilista.

“Hanno detto che non potevo più vestire i loro vestiti”, ha detto la storditrice della taglia 4 a Ann Curry di TODAY, mercoledì a New York. Hamilton ha detto che Lauren ha scritto una lettera al suo agente dicendo: “Stiamo terminando i tuoi servizi perché non rientri nei vestiti campione che devi indossare”.

Ralph Lauren ha negato di essere stata licenziata perché troppo grande.

“La consideriamo una parte importante del nostro imaging e branding”, ha detto il designer in una dichiarazione ai media. “Ci rammarichiamo del fatto che il nostro rapporto si sia concluso in seguito alla sua incapacità di rispettare gli obblighi previsti dal contratto con noi.” (Leggi la dichiarazione completa della società qui.)

Hamilton ha negato di non aver rispettato i suoi obblighi nei confronti di un’azienda che ha chiamato la sua seconda famiglia.

“Ho fatto tutto ciò che potevo. Ero molto fedele a loro. Sono stato puntuale ogni volta “, ha detto Hamilton a Curry.

Polemica Photoping

La ventitreenne modella svedese-francese, che lavorava per Lauren da quando aveva 15 anni, ha detto a Curry che Ralph Lauren l’ha licenziata ad aprile attraverso la sua agenzia. Ha detto di non avere intenzione di rendere pubblica la sua lamentela, ma ha cambiato idea quando un’immagine di Photoped su di lei in un centro commerciale in Giappone è apparsa sul sito Internet BoingBoing.com.

“L’hanno fotografata in un modo che per me è grottesco e la fa sembrare un cartone animato”, ha detto a NBC News Geoffrey Menin, l’avvocato di Hamilton. “Il problema è che le sta danneggiando. Chi vuole assumere qualcuno che sembra così? “

Ralph Lauren ha rimosso rapidamente la pubblicità e si è trasferita legalmente per richiedere che le immagini vengano tolte dal Web. “Abbiamo appreso che siamo responsabili della scarsa qualità dell’immagine e del ritocco che hanno portato a un’immagine molto distorta del corpo di una donna”, ha detto la società in un comunicato.

Nonostante il disclaimer, Hamilton ha detto che l’immagine distorta l’ha spinta a parlare.

“Non è un buon esempio quando vedi questa foto, ogni giovane donna la guarderà e pensa che sia normale assomigliare a questo. Non è così “, ha detto a Curry. “Ho visto la mia faccia su questa ragazza super-estremamente magra, che non sono io. Mi rende triste. Mi fa pensare che Ralph Lauren voglia avere questo tipo di immagine. È un marchio americano … e non è salutare, e non è giusto. “

Ha detto che lasciarsi andare era un colpo emotivo. “Ero molto triste. Ho lavorato con loro da quando avevo 15 anni. Per me, erano la mia seconda famiglia, quindi sono stato molto ferito da questo “, ha detto Hamilton.

Il “circolo vizioso” della moda

Anche il pensiero che sia troppo grassa per modellare è devastante. Altri nel settore sono d’accordo.

Leslie Goldman, un’esperta di immagini del corpo, ha dichiarato a NBC News: “Il pensiero che questo modello sia troppo grasso è ridicolo. Quando la vedi, è estremamente alta ed estremamente magra. Ha il corpo di una modella perfetta, ma a quanto pare non è abbastanza perfetta. “

Kate White, redattore capo della rivista Cosmopolitan, si unì a Hamilton e Curry e si accordò con Goldman. White ha detto che il problema è qualcosa di un circolo vizioso.

“Inizia davvero con i vestiti di esempio. Hanno ridimensionato. Ora sono come un 2 o un 4. In un certo senso si riferisce all’era Kate “, ha detto, riferendosi a Kate Moss, la supermodella super-sottile la cui carriera è iniziata nel 1988 all’età di 14 anni.” Prima di allora, top model come Cindy Crawford e Christie Brinkley – erano davvero formose. Ma sono diventati più magri e magri. I vestiti sono diventati più piccoli. Quindi crea questo ciclo in cui devi adattarti ai vestiti per ottenere il lavoro, e poi i modelli diventano più piccoli e questo è ciò che dobbiamo usare nelle storie di moda “.

White ha detto che nonostante alcuni recenti sforzi per mostrare le donne normali nelle riviste di moda, le donne devono costringere il settore a cambiare.

“Penso che le donne debbano protestare, e sostenerlo, perché a volte le donne dicono di volere ragazze vere nelle storie, ma spesso quelle storie non valgono altrettanto bene, e se metti una forte celebrità in copertina, potrebbe non vendere pure “, ha detto White. “Le donne devono lamentarsi e quindi eseguire il backup con le loro azioni – con i loro libri tascabili”.