Dopo aver trovato un paio di droghe, questo ufficiale di polizia si è offerto di adottare il loro bambino

Per Ryan Holets, agente di polizia di Albuquerque, quello che è iniziato come un giorno di routine ha finito per cambiare la sua vita.

Lo scorso settembre, Holets ha risposto a una chiamata su un possibile furto in corso presso una stazione di servizio.

“Quando sono uscito dalla mia macchina, mi è capitato di guardare a sinistra. Non so perché, ma l’ho fatto e c’era una coppia, un maschio e una femmina nella sponda erbosa accanto al distributore di benzina e loro erano ingobbiti, una manica arrotolata sul ragazzo e ho capito subito che loro si stavano preparando a sparare alcuni narcotici “, ha detto su Megyn Kelly OGGI.

Accese la videocamera del suo corpo, si avvicinò alla coppia, chiamò Tom Key e Crystal Champ e notò che Crystal era incinta.

“La mia prima reazione fu un po ‘di rabbia e venne fuori in quello che le dissi”, ha detto Ryan, un padre sposato di quattro figli. “Le ho detto che stava per uccidere il suo bambino e questo l’ha davvero sconvolta un po ‘.”

Famiglia Holets

Crystal, che era vicina alla fine della sua gravidanza, desiderava disperatamente che qualcuno adottasse il suo bambino, disse a Ryan, così il bambino non sarebbe parte del sistema di affidamento e potrebbe essere allevato in una casa stabile e amorevole.

Holets ha visto subito che Crystal “si è preoccupata veramente della sua bambina e ho anche visto in lei la sua umanità e la prigione in cui si trovava. Lei è un essere umano seduto lì davanti a me e c’è una vita preziosa dentro di lei a cui tiene e mi ha colpito un bel po ‘. “

Sapeva subito che lui e sua moglie avrebbero allevato il bambino. I due avevano programmato di far crescere la loro famiglia attraverso la promozione e l’adozione lungo la strada.

“La realizzazione che stavo per fare l’offerta è stata piuttosto travolgente, quindi sono dovuto andare a sedermi nella mia auto e pensarci per qualche secondo e e pensare a come stavo per dirglielo”, dice. “Non ho mai fatto un’offerta del genere a nessuno e quindi non sapevo esattamente come affrontare l’argomento con lei.”

Incontra lo sbirro che ha adottato un bambino dipendente da oppioidi

Jan.09.201810:46

Crystal gli disse che aveva bisogno di pensarci, e Ryan aveva parlato con sua moglie, Rebecca, che era ricettiva all’idea.

“Sono rimasto lì per un momento, davvero sorpreso. Avevamo parlato dell’adozione prima e avevamo voluto fare la differenza nel modo in cui vediamo l’enorme bisogno di genitori adottivi o di genitori adottivi nelle nostre comunità “, ha detto Rebecca, che era a bordo per adottare il bambino. Circa una settimana e mezzo dopo, Crystal acconsentì all’adozione.

Famiglia Holets

Hope Holets è arrivata il 12 ottobre 2017, circa un mese prima del previsto. Ha attraversato il ritiro, ma è stata in grado di tornare a casa con la sua famiglia dopo una settimana e mezza in ospedale.

“Mi sento così fortunato a essere in grado di averla”, ha detto Rebecca, che chiama la sua ultima figlia “un regalo completo”.

Poiché gli Holets avevano già una figlia piccola, Abigail, a casa che Rebecca stava allattando, era anche in grado di allattare Hope.

“Ho appena iniziato a pompare e allattare Hope e ad allattare anche l’altro mio bambino. Ho avuto abbastanza latte per due bambini e questo mi ha dato la sicurezza di aver bisogno di allattare sia Hope che la piccola Abigail “, dice Holets.

Bambini nati dipendenti dalla droga: nuovi sforzi in corso per aiutare l’epidemia

Dec.08.201503:51

“È una bambina dolce e calmo, ama essere tenuta in braccio, coccolata e amata e coccolata. Sta andando alla grande, proprio come un normale neonato che mangia, dorme, comincia a cibarsi e mi sorride quando le parlo “.

Immagine: US President Donald J. Trump delivers his State of the Union to Congress
EPA

Ryan Holets riassume: “È stato semplicemente fantastico.”

Quello che ha fatto non è passato inosservato. Martedì, Ryan e Rebecca Holets sono stati gli ospiti speciali di Trumps nello Stato dell’Unione.

Questa storia è stata originariamente pubblicata il 9 gennaio 2018.