I bambini che si prendono un ginocchio per protestare a scuola: quali sono i loro diritti?

Una notte di fine settembre, Eugenia McDowell ha ricevuto un messaggio dall’insegnante di primo grado del figlio di 6 anni che ha avanzato la domanda: quali diritti hanno la libertà di parola dei bambini nelle loro aule scolastiche o nei campi sportivi della scuola?

“Volevo solo farti sapere che stamattina, quando era il momento di fare il giuramento di fedeltà, [tuo figlio] è caduto su un ginocchio”, ha scritto l’insegnante. “Sapevo dove l’aveva visto, ma gli ho detto che in classe stiamo imparando cosa significa essere un buon cittadino, stiamo imparando a rispettare gli Stati Uniti d’America e i simboli del nostro paese e mostrare lealtà e patriottismo e che sosteniamo il giuramento di fedeltà “.

McDowell, una madre di figli di 18, 17 e 6 anni a Wesley Chapel, in Florida, era livida. Ha scritto una lettera alla sua stazione di stampa locale esprimendo la sua frustrazione con il sistema scolastico della contea di Pasco.

Studenti kneel during Pledge
Il figlio di 6 anni di Eugenia McDowell, nella foto sopra, ha il diritto di protestare pacificamente nella sua classe scolastica e non deve sostenere il giuramento di fedeltà, dice lei. Secondo la legge, ha ragione.Per gentile concessione di Eugenia McDowell

“Sono seduto qui a combattere le lacrime perché, ancora una volta, uno dei miei giovani figli neri è ricordato del loro posto in questa società”, ha scritto McDowell. “Invece di cogliere un’opportunità per dimostrare inclusione e diversità all’interno della classe, il suo insegnante ha deciso di impressionare su di lui la sua opinione e la sua definizione di cosa significhi essere un buon cittadino – che, basato sul suo messaggio di testo, è l’opposto di ciò ha dimostrato oggi in classe. “

Suo figlio ha deciso da solo di inginocchiarsi durante il Pledge of Allegiance senza prima parlare con i suoi genitori, ha detto McDowell. “Non ha incoraggiato altri bambini a farlo, ha esercitato il suo diritto costituzionale alla protesta, che è ciò che fa un” buon cittadino “, ha scritto. “Il diritto alla protesta è uno dei molti diritti che la bandiera rappresenta, e [il suo insegnante] l’ha rapito subito”.

Pasco County Schools, dove il figlio di McDowell frequenta la scuola, da allora ha fatto un annuncio sulla sua pagina Facebook spiegando che, in conformità con la legge della Florida e la politica del consiglio scolastico, nessuno studente deve essere “costretto o richiesto” a partecipare alla recitazione del Pledge of Allegiance o in in piedi o mettendo le mani sui loro cuori durante questo.

“Ciò significa che in ginocchio o altre forme non-disruptive di non partecipazione saranno generalmente considerate come alternative ammissibili alla tradizionale recitazione del Pegno, a condizione che lo studente dimostrante abbia fornito una richiesta scritta dal genitore in anticipo”, consiglio scolastico ha scritto nel post.

Il quarterback di San Francisco 49er Colin Kaepernick ha iniziato a prendere le ginocchia durante il canto di “The Star-Spangled Banner” ai giochi nella stagione pre-stagione della NFL 2016-17. È stato uno sforzo, ha detto, per protestare contro la brutalità della polizia e l’ingiustizia razziale in America. Da allora, altri atleti professionisti hanno seguito l’esempio, così come gli studenti K-12, con reazioni miste.

L’autrice Luvvie Ajayi ha recentemente pubblicato una foto di uno studente che ha identificato solo come “Kamryn” con una dichiarazione della madre del bambino, che afferma che Kamryn ha ricevuto critiche per inginocchiarsi durante l’inno nazionale ai suoi giochi di pallavolo della scuola.

In Texas, i giocatori di football americani della zona di Houston Cedric Ingram-Lewis e Larry McCullough sono stati cacciati dalla loro squadra alla Victory & Praise Christian Academy dopo essersi inginocchiati durante l’inno nazionale durante una partita, secondo quanto riportato dallo Houston Chronicle. La stessa notte, intere squadre del Dallas Independent School District si sono inginocchiate insieme in segno di protesta, secondo il Dallas News.

E a Chicago, diverse squadre di calcio delle scuole superiori hanno protestato pacificamente durante l’inno con il pieno supporto dei loro allenatori, tra cui Oak Park River Forest, i cui giocatori si sono inginocchiati con membri della loro band e cheerleading la scorsa settimana, ha detto il Chicago Tribune..

Ma a Bossier City, in Louisiana, il sovrintendente della scuola parigina di Bossier Scott Smith ha emesso un decreto che prevede che tutti gli studenti dei gradi K-12 sostengano durante l’inno nazionale in occasione di eventi sportivi e attività extrascolastiche o subiscano conseguenze, tra cui riduzione del tempo di gioco o rimozione dalle squadre o club.

Non perdere mai una storia genitoriale con la newsletter di TODAY Parents! Iscriviti qui.

“La libertà non è libera”, ha scritto Smith in una dichiarazione condivisa con TODAY Parents. “In Bossier Parish, crediamo che quando uno studente sceglie di unirsi e partecipare a una squadra, i giocatori e gli allenatori devono stare in piedi quando il nostro inno nazionale viene giocato in uno spettacolo di rispetto, estendendosi a quelli che scelgono di unirsi a un club o organizzazione studentesca , che richiede uno sponsor di facoltà, è una scelta per gli studenti che partecipano ad attività extrascolastiche, non un diritto, e noi di Bossier Schools siamo fermamente convinti che le nostre squadre e organizzazioni debbano stare in unità per onorare i militari e i veterani della nostra nazione “.

Michael Bennett di Seahawks siede durante l’inno nazionale dopo la violenza di Charlottesville

Aug.19.201700:18

Le varie e talvolta forti reazioni alla stessa protesta in tutto il paese hanno confuso studenti, genitori e persino alcuni educatori. Gli studenti hanno il diritto legale alla libertà di parola a scuola nell’ambito del Primo Emendamento? Quanto lontano vanno queste protezioni?

Rachael Jones, un ricercatore di giurisprudenza e studioso del Primo Emendamento al Centro per la legge e la politica sui media della University of North Carolina, ha detto a TODAY Parents che la questione della libertà di parola per gli studenti K-12 nelle scuole pubbliche è a dir poco complicata.

Nelle aule delle scuole pubbliche, i bambini sono protetti dal Primo Emendamento (le scuole private sono una storia diversa, poiché non sono tenute soggette agli stessi standard). Il caso della Corte suprema che ha testato la protezione della libertà di parola per gli studenti, Tinker v. Des Moines, fu deciso nel 1969 e disse che una scuola non poteva sospendere gli studenti coinvolti in una protesta che indossava bracciali neri che si opponevano alla guerra del Vietnam, organizzata dall’allora tredicenne Mary Beth Tinker.

Nella decisione, la Corte ha stabilito che gli studenti “non abbandonano i loro diritti costituzionali alla libertà di parola o di espressione al cancello della scuola”. Tuttavia, Jones ha aggiunto che le scuole hanno una certa flessibilità all’interno di quella protezione se gli studenti che protestano interrompono le attività della scuola. “Una fascia da braccio nera è una distrazione, forse, ma non è dirompente”, ha spiegato a TODAY Parents.

Tuttavia, negli eventi sportivi extrascolastici e sponsorizzati dalla scuola come i giochi di calcio, la protezione della libertà di parola non è garantita. “Questo è il punto in cui diventa instabile con gli studenti-atleti”, ha detto Jones. Perché indossano le maglie della scuola e quegli eventi hanno il nome della scuola e del distretto scolastico stampato su di loro, gli atleti sono “tenuti a un livello più alto perché diventa il messaggio della scuola e non il messaggio dello studente” se protestano, ha detto Jones.

“La risposta alle proteste studentesco-studentesca dipenderà dalla regione e dalla scuola stessa”, ha detto, “e se il messaggio della protesta è incoerente con l’ordine sociale e la politica di quella scuola”.

Quindi, mentre per legge, nessun americano di qualsiasi età ha l’obbligo di difendere il Pledge of Allegiance o “The Star-Spangled Banner” – un punto che Jones si sente perso in questi dibattiti – ei bambini hanno i diritti del Primo Emendamento, la protezione di questi diritti dipendono da ciò che stanno facendo e da come lo stanno facendo.

Jones ha suggerito che genitori o studenti che si interrogano sulla protezione della libertà di parola contattano i loro capitoli locali dell’ACLU per scoprire esattamente quali sono i loro diritti e cosa possono fare se ritengono che i loro diritti siano stati violati.

Nel frattempo, McDowell ha detto a TODAY Parents che continuerà a incoraggiare il proprio figlio a seguire le sue convinzioni. “Penso a tutti i bambini a scuola oggi che potrebbero aver avuto la loro indipendenza rachitica”, ha detto. “Quanto è costato agli Stati Uniti in termini di potenziale futuro?”

“I nostri insegnanti dovrebbero coltivare, non sradicare, il pensiero indipendente”, ha detto McDowell. “I pensatori senza tetto cambiano il mondo, legherò legalmente con tutto il mio potere per garantire che non solo lui, ma ogni bambino all’interno di questo distretto, abbia il diritto di esercitare pacificamente i propri diritti costituzionali senza rimproverare”.