Autore di “Eat, Pray, Love” su ciò che ha appreso del dolore da quando ha perso il partner

Elizabeth Gilbert è abituata a elaborare le sue esperienze più personali nella sua scrittura, e lo sta facendo di nuovo adesso, mesi dopo aver perso la sua partner, Rayya Elias, in cancro all’età di 57 anni..

Gilbert, autore del famoso libro del 2006 “Eat, Pray, Love,” ha condiviso un messaggio straziante sul dolore con i suoi follower su Instagram mercoledì.

View this post on Instagram

Dear Ones: This picture of me and Rayya was taken one year ago today, on the morning of our commitment ceremony — a day on which we bound our hearts to each other forever, in front of a small circle of friends. What does “forever” mean, when one of the lovers has terminal cancer? That’s simple: It means FOREVER. Six months ago this week, Rayya died. People keep asking me how I’m doing, and I’m not always sure how to answer that. It depends on the day. It depends on the minute. Right this moment, I’m OK. Yesterday, not so good. Tomorrow, we’ll see. Here is what I have learned about Grief, though. I have learned that Grief is a force of energy that cannot be controlled or predicted. It comes and goes on its own schedule. Grief does not obey your plans, or your wishes. Grief will do whatever it wants to you, whenever it wants to. In that regard, Grief has a lot in common with Love. The only way that I can “handle” Grief, then, is the same way that I “handle” Love — by not “handling” it. By bowing down before its power, in complete humility. When Grief comes to visit me, it’s like being visited by a tsunami. I am given just enough warning to say, “Oh my god, this is happening RIGHT NOW,” and then I drop to the floor on my knees and let it rock me. How do you survive the tsunami of Grief? By being willing to experience it, without resistance. The conversation of Grief, then, is one of prayer-and-response. Grief says to me: “You will never love anyone the way you loved Rayya.” And I reply: “I am willing for that to be true.” Grief says: “She’s gone, and she’s never coming back.” I reply: “I am willing for that to be true.” Grief says: “You will never hear that laugh again.” I say: “I am willing.” Grief says, “You will never smell her skin again.” I get down on the floor on my fucking knees, and — and through my sheets of tears — I say, “I AM WILLING.” This is the job of the living — to be willing to bow down before EVERYTHING that is bigger than you. And nearly everything in this world is bigger than you. I don’t know where Rayya is now. It’s not mine to know. I only know that I will love her forever. And that I am willing. Onward.❤️

A post shared by Elizabeth Gilbert (@elizabeth_gilbert_writer) on

“La gente continua a chiedermi come sto, e non sono sempre sicuro di come rispondere, dipende dal giorno, dipende dal minuto, proprio in questo momento, sto bene, ieri non è così buono. Domani vedremo “, ha scritto Gilbert accanto a una foto della cerimonia di impegno della coppia dello scorso anno.

Quello che ha imparato sul dolore dalla morte di Elia è che è “una forza di energia che non può essere controllata o prevista”.

Il dolore, ha scritto, “arriva e procede secondo i suoi stessi orari: il dolore non obbedisce ai tuoi piani, o ai tuoi desideri. Il dolore farà tutto ciò che vuole per te, ogni volta che lo desidera.al riguardo, il dolore ha molto in comune con Amore.”

Elisabetta Gilbert and partner Rayya Elias
L’autrice Elizabeth Gilbert, a sinistra, ha parlato del dolore che ha provato da quando il suo partner, Rayya Elias, è morto di cancro a gennaio.Noam Galai / Getty Images

Gilbert ha espresso la sua impotenza sulle sue emozioni, confrontando il suo dolore con uno “tsunami”. Era “disposta a sperimentarlo, senza resistenza” – ma solo perché non ha scelta in merito.

Ha continuato spiegando, nella sua angoscia, che è “disponibile” ad accettare tutte le cose che ha amato di Elias, compreso il suono delle sue risate e l’odore della sua pelle, sono sparite.

Nel 2016 Gilbert ha annunciato di essersi separata dal marito di 10 anni, Jose Nunes, l’importatore brasiliano di cui ha scritto in “Eat, Pray, Love”. Due mesi dopo, ha raccontato di essere innamorata di Elias, autore, musicista e suo migliore amico di lunga data. Ha rivelato di essersi innamorata di Elias nel periodo in cui a Elias era stato diagnosticato un cancro al pancreas e al fegato.

Nel giugno 2017, Gilbert ha fatto sapere ai fan che lei e Elias avevano avuto una cerimonia di impegno dopo aver attraversato “alcuni giorni davvero difficili insieme”.

“La nostra cerimonia non era legalmente vincolante (non c’è bisogno di avvisare le autorità, gente!) … solo una celebrazione tranquilla e privata di ciò che abbiamo conosciuto da molto tempo: ci apparteniamo l’un l’altro”, scrisse all’epoca.