L’attrice Carrie Snodgress muore all’età di 57 anni

L’attrice Carrie Snodgress, la cui carriera di 40 anni ha incluso una nomination all’Oscar per “Diary of a Mad Housewife” e ruoli memorabili in “Pale Rider” e “Wild Things”, è morta. Lei aveva 57 anni.

Snodgress è stato ricoverato all’università della California Medical Center di Los Angeles, in attesa di un trapianto di fegato quando è morta per insufficienza cardiaca il 1 aprile, il suo manager, Sidney Craig, ha detto venerdì. Suo figlio, Zeke, della rockstar Neil Young, era al suo fianco, disse.

Snodgress era forse più noto per il suo ruolo di casalinga frustrata, incastrata tra un marito prepotente e un amante auto-assorbito nel “Diary of a Mad Housewife” del 1970. È stata nominata per un Academy Award e ha vinto due Golden Globe – attrice protagonista in un musical o commedia e una nuova stella dell’anno.

Ha recitato in “Pale Rider” di Clint Eastwood nel 1985 e nel film noir del 1998 “Wild Things” con Matt Dillon e Neve Campbell..

Fuori dallo schermo, Park Ridge, Illinois, la vita amorosa dei nativi era anche tumultuosa.

Nonostante il successo della critica per il suo ruolo in “Housewife”, Snodgress ha voltato le spalle a Hollywood nel 1971 per vivere con il fidanzato Neil Young nel suo ranch della California settentrionale e prendersi cura del loro figlio, nato con paralisi cerebrale.

Ha trascorso più di sette anni con Young prima di andarsene e tornare a Los Angeles, per poi citarlo in giudizio per avere un figlio.

Nel 1979, il suo ex fidanzato, il cantautore Jack Nitzsche, fu accusato di aver minacciato di ucciderla dopo aver fatto irruzione nella sua casa e picchiarla con una pistola. Si è dichiarato colpevole di minacciarla ed è stato multato e sottoposto a tre anni di libertà vigilata.

Raccogliere la sua carriera dopo una lunga assenza non è stato facile, ha detto Snodgress in seguito. Inizialmente è stata selezionata per recitare accanto a Sylvester Stallone in “Rocky”, ma ha perso il ruolo in una disputa sul salario.

Alla fine ha ottenuto un ruolo secondario nel film del 1978 di Brian DePalma “The Fury”. Ma in un’intervista del Los Angeles Times del 1986, Snodgress ha detto di non avere rimpianti per aver temporaneamente abbandonato la sua carriera.

“Non sono mai stata davvero una donna in carriera, vedi”, ha detto. “La mia vita è sempre venuta prima. Quando sono stato nominato per “Il diario di una casalinga pazza”, non pensavo “Aah, ora avrò più soldi.” Il mio sogno era sempre stato quello di fare bene le mie opere, innamorarmi e costruire una vita per me.”

Altri crediti cinematografici includono “The Attic”, “A Night in Heaven”, “Blueberry Hill”, “Blue Sky” e “Ed Gein”. I suoi crediti televisivi includevano apparizioni in “The Virginian”, “Marcus Welby, MD,” ” Murder She Wrote, “” X Files “,” ER “,” Juding Amy “,” Touched by an Angel “e” The West Wing “.

C’era un funerale di famiglia privato. Non sono stati pianificati servizi pubblici, ha detto Craig.