Janet Leigh, star di “Psycho”, muore all’età di 77 anni

Janet Leigh, la bellezza salutare di cui Psycho, il classico thriller di Alfred Hitchcock, è stato soprannominato come un omicidio commovente per cui generazioni di fan del cinema pensano due volte di entrare nella doccia di un motel, è morto. Lei aveva 77 anni.

Il marito dell’attrice, Robert Brandt, e le sue figlie, attrici Kelly Curtis e Jamie Lee Curtis, erano dalla parte della madre quando è morta domenica nella sua casa di Beverly Hills, ha detto Heidi Schaeffer, portavoce di Jamie Lee Curtis.

“È morta pacificamente a casa”, ha detto Schaeffer all’Associated Press lunedì.

Leigh aveva sofferto di vasculite, un’infiammazione dei vasi sanguigni, nell’ultimo anno.

La splendida bionda ha avuto una lunga e illustre carriera, apparendo in film come il thriller politico del 1962 “The Manchurian Candidate” e nel film noir del 1958 di Orson Welles “Touch of Evil”.

Ma ha ottenuto la sua fama più duratura in “Psycho” come l’indebita impiegato che è stata pugnalata a morte nella doccia dal pazzo travestito Anthony Perkins. Il ruolo le è valso una nomination all’Oscar come miglior attrice non protagonista.

Hitchcock ha compilato la sequenza doccia in 70 prese diverse di due e tre secondi ciascuna, per le quali Leigh ha trascorso sette giorni sotto la doccia. Giravano voci che lei fosse nuda, ma indossava un fustagno color carne.

Sebbene addomesticati dagli standard odierni, la scena è stata scioccante per il momento della sua brutalità.

Non più docceLeigh ha scritto nel suo libro del 1995 “Psycho: Behind the Scenes in the Classic Thriller” che le riprese sono state facili fino agli ultimi 20 secondi in cui ha dovuto esprimere un totale orrore mentre il suo personaggio veniva ridotto a morte.

LEIGH
** FILE ** L’attrice Janet Leigh, posa per una foto a Beverly Hills, California, 7 febbraio 2003. Leigh ha recitato in 50 film, apparendo accanto a molti dei più grandi nomi di Hollywood. Eppure sarà per sempre famosa come la ragazza sotto la doccia nel thriller classico di Alfred Hitchcock del 1960 “Psycho”. Leigh è morta domenica 3 ottobre 2004 nella sua casa di Beverly Hills, in California, secondo una portavoce. Aveva 77 anni. (AP Photo / Reed Saxon)Reed Saxon / AP

Disse spesso che non era stata in grado di fare la doccia dal film. “Non è un clamore, non qualcosa che pensavo sarebbe stato buono per la pubblicità”, ha insistito. “Honest to go, è vero.”

L’ingresso di Leigh nei film avvenne in modo cliché. Nata Jeanette Helen Morrison a Merced, in California, il 6 luglio 1927, era una studentessa universitaria quando la star in pensione Norma Shearer vide la sua fotografia in una stazione sciistica. Shearer raccomandò l’adolescente all’agente di talento Lew Wasserman, che negoziava un contratto alla MGM per $ 50 a settimana.

Soprannominata Janet Leigh, ha recitato nel 1947 a 19 anni nel suo primo film, “The Romance of Rosy Ridge” con Van Johnson. Il suo stipendio è salito a $ 150 a settimana. Diventò una delle stelle più attive della MGM, apparendo in sei film nel 1949.

Tra i suoi film: “Act of Violence” (con Van Heflin), “Little Women”, “Holiday Affair” (Robert Mitchum), “Strictly dishonorable” (Ezio Pinza), “The Naked Spur” (James Stewart), “Living It Up “(Martin and Lewis),” Jet Pilot “(John Wayne),” Bye Bye Birdie “(Dick Van Dyke),” Safari “(Victor Mature).

La coppia idealeLeigh era stato sposato due volte prima di venire a Hollywood: a John K. Carlyle, 1942, annullato; e Stanley Reames, 1946-1948, divorziarono. Nel 1951 sposò Tony Curtis quando le loro celebrità furono al culmine. Sia i loro studi, MGM e Universal, hanno espresso preoccupazione per il fatto che la loro immensa popolarità con gli adolescenti sarebbe ostacolata se fossero sposati.

Aiutati da una sfilza di pubblicità della rivista fan, il loro appello è aumentato. Sono apparsi in quattro film insieme, tra cui “Houdini” e “The Vikings”. La “coppia ideale” divorziò nel 1963. Nella sua autobiografia del 1984, “There Really Was a Hollywood”, si asteneva dal criticare Curtis.

“Tony ed io siamo stati benissimo insieme; è stato un periodo emozionante e glamour a Hollywood “, ha detto in un’intervista. “Sono successe un sacco di grandi cose, soprattutto, due bellissimi bambini (Kelly Curtis e Jamie Lee Curtis).” Il matrimonio di Leigh con l’uomo d’affari Brandt del 1964 durava più a lungo.

Leigh è apparso con Jamie Lee nel thriller del 1980 “The Fog” e ha fatto apparizioni televisive occasionali nei suoi ultimi anni.

“Touch of Evil” è stata “una grande esperienza”, ha detto nel 1984, ma è rimasta delusa dal risultato finale: “La Universal non riusciva proprio a capirlo, così hanno deciso di ricominciare. Andato era il film indisciplinato ma brillante che Orson aveva fatto. “

Nella sua autobiografia ha scritto che “The Manchurian Candidate” era “un film dinamitardo”, sebbene si fosse preoccupata di lavorare con Frank Sinatra: “Avevo sentito dire che Frank era noto per le abitudini di lavoro non convenzionali, ed ero preoccupato, soprattutto in vista di la nostra amicizia. Non ho bisogno di essere stato. La mia esperienza con lui ha rivelato la sua assoluta professionalità. “